Print

Contro l'annessione israeliana della Cisgiordania

Uniamoci per fermare la pulizia etnica senza illusioni nelle vie politiche

Siamo al fianco del popolo palestinese, da quasi un secolo vittima di una vera e propria pulizia etnica e dell'oppressione razzista dello Stato di Israele. Quest'ultimo ha basato la sua stessa fondazione, nel 1948, sulla negazione del popolo palestinese: perciò oggi la maggioranza dei palestinesi è costretta a vivere nella diaspora. In questi giorni, tale storica e dolorosa ingiustizia si aggrava con l'intenzione del governo Netanyahu (spalleggiato da Trump) di procedere con l'annunciata annessione della Cisgiordania. Cioè di porre fine ad una molto relativa autonomia – gestita tra complicità, corruzione ed impotenza dall'Autorità nazionale palestinese – e di privare di ogni diritto i palestinesi che vi vivono, fino a indurli ad un nuovo esodo.

Occorre fermare questa ulteriore, odiosa forma di apartheid, giustamente respinta da tutte le componenti della società palestinese e contestata anche dagli antirazzisti israeliani nella manifestazione di Tel Aviv del 6 giugno scorso. È giusto fare appello a tutte le persone solidali e agli antirazzisti (che proprio in queste settimane hanno fatto sentire la propria voce con mobilitazioni partite dagli Stati uniti e diffuse in tanti paesi) per unirsi in ragione della dignità e della libertà umana contro ogni oppressione.

Valorose e rare esperienze di minoranza dimostrano che è difficile ma possibile battere la strada dell'incontro e della cooperazione tra palestinesi e israeliani nel contrastare l'oppressione dello Stato israeliano – che periodicamente esplode in guerra aperta e distruzione – e per cominciare a immaginare un futuro di pacificazione tra comunità finora profondamente lacerate. È invece illusorio e dannoso confidare nelle soluzioni politiche, negli accordi tra Stati, nel fantomatico "diritto internazionale": i frutti amari del "piano di pace", nato morto a Oslo nel lontanissimo 1993, sono sotto gli occhi di tutti e si chiamano più oppressione e più guerra, più ingiustizia e più corruzione.