Print

Siria

Per la prima volta sul banco degli imputati

E´cominciato in Germania il primo processo per crimini contro l’umanità a due ex esponenti del regime siriano. Anwar R., ex colonnello dell’esercito, e Eyad A., ex agente dei servizi di sicurezza. Verranno processati per aver preso parte alla tortura di piú di 4000 persone e all´uccisione di altre 58. Il processo si terrà nella città di Coblenza grazie a una legge del 2002 che permette di giudicare i delitti contro l’umanitá anche se sono stati commessi in un altro paese. L’avvocato Anwar Al Bunni del Syrian Center for Media and Freedom of Expression, uno dei promotori di questa causa, vittima anch’egli delle torture praticate nelle carceri siriane, in un’intervista al giornale El Pais afferma: “non sarà un processo solo contro di loro. Verrá giudicato tutto il regime. Questo processo servirà a fare luce su tutta la catena di comando”. Si apre una speranza per le migliaia di persone denuncianti che in questi anni non hanno voluto rinunciare a chiedere giustizia, nonostante l’índifferenza e la complicità della comunitá internazionale con il regime criminale di Bashar Al Assad.