Print

Usa

Complottisti e curatori

Cari complottisti, ecco finalmente i vostri veri ispiratori: Bolsonaro e Trump. Andiamo a vedere. L'ultradestro premier brasiliano continua a definire il Coronavirus “una montatura dei media”. Anche per il suo amico Trump si tratta di un'operazione ordita dall'alto, dall'organizzazione mondiale della sanità ai governatori democratici di alcuni degli Stati degli Usa. Entrambi gli orridi figuri reclamano a gran forza la fine delle misure di sicurezza e del lockdown, ma non basta: hanno presenziato a manifestazioni di piazza i cui partecipanti, tutti senza mascherine e in violazione delle distanze di sicurezza, reclamano la loro libertà; evidentemente quella di contagiare gli altri. Nel caso degli Usa organizzate dai peggiori raggruppamenti di estrema destra, in quello del Brasile invece il Presidente ha direttamente invocato l'intervento dell'esercito arringando la folla. Siccome esistono complottisti che in qualche modo si definiscono di sinistra, è bene che sappiano quali sono i loro riferimenti. Chi invece ha a cuore la difesa della vita, come noi, vedrà con favore che a contrapporsi – fisicamente, bloccando le macchine strombazzanti dei fan di Trump – alle scelleratezze di cui sopra sono stati, il 20 aprile a Denver, Colorado, alcuni coraggiosi infermieri in divisa da lavoro e mascherina. Una rappresentazione chiarissima di quanto sia indispensabile difendere e affermare le nostre vite dai decadenti e vocianti personaggi che siedono ai vertici degli Stati, anche democratici.