primapagina

Quanto cercheremo una rinnovata saggezza della comune umanità, invece di aggravare l’irragionevolezza dell’individualismo imperante? 

Reagire! di Dario Renzi, LC n° 357

pe-logo

Un aiuto concreto.

Fino al 30 novembre tutti i libri di Prospettiva edizioni con il 20% di sconto**, e se li vuoi ricevere a casa la spedizione non ti costa nulla.

Per richiedere i libri puoi rivolgerti ai recapiti de La Comune oppure scrivi a: info.prospettiva@gmail.com o vai sul sito www.prospettivaedizioni.it

** eccetto le novità e i libri già in promozione 


Print
PDF

Nagorno-Karabakh

Tacciono le armi, fuggono gli armeni

Dopo settimane di guerra e centinaia di vittime, Armenia e Azerbaijan hanno firmato una tregua, arbitro Mosca, che ha il sapore di una resa incondizionata della prima nei confronti dell'aggressività della seconda.

Il Nagorno-Karabakh è costretto a cedere a Baku i territori azeri conquistati nella guerra degli anni Novanta e circa il 20% del proprio territorio. La Russia – storica potenza egemone nel Caucaso – deve garantire il cessate il fuoco e l'agibilità dei corridoi che permettono la continuità territoriale delle due enclave con la rispettiva madrepatria: del Nagorno-Karabakh con l'Armenia e del Nakhchvan con l'Azerbaijan.

L'ennesimo capitolo di una vicenda lunga e dolorosa si conclude con un accordo che già minaccia ulteriori esplosioni belliche. All'origine vi è l'aspirazione e il diritto all'autodeterminazione del popolo armeno, vittima di un genocidio compiuto dall'impero turco all'inizio del XX secolo; proprio l'intervento di Ankara al fianco dell'Azerbaijan è la novità più inquietante di queste settimane.

A Erevan, capitale armena, centinaia di persone hanno contestato l'accordo firmato dal presidente Pashiyan, giudicato una vera e propria capitolazione. Intanto, dopo aver seppellito i morti, decine di migliaia di armeni lasciano le proprie case e riprendono la via dell'esilio. Le loro legittime aspirazioni all'autodeterminazione e a vivere in pace sulla propria terra sono ancora una volta colpite dal nazionalismo reazionario azero e dall'espansionismo genocida turco; esse non troveranno soddisfazione duratura e neanche un baluardo credibile confidando nella propria direzione nazionalista ed in una soluzione politico-militare.

Speciali

fronteggiando



controilvirus

Appelli

appellosanatoria 

 Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Leggi e sottoscrivi l'appello qui


iocuro

Io curo - Insieme per la salute

Leggi l'appello

Vedi il video

Per sottoscrivere questo appello contattaci a: iocuro.insiemeperlasalute@gmail.com

visita il nostro nostro blog : https://iocuro.wordpress.com/


appello scuola

Appello contro il decreto della digitalizzazione

Fronteggiare l'emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Leggi l'appello

Vedi il video

Se lo condividi puoi sottoscriverlo alla mail:     alcentrolerelazioni@gmail.com e farlo conoscere, scaricalo qui

 


appellobimbi

Giù le mani dai bambini!

Leggi l'appello