primapagina

Quanto cercheremo una rinnovata saggezza della comune umanità, invece di aggravare l’irragionevolezza dell’individualismo imperante? 

Reagire! di Dario Renzi, LC n° 357

pe-logo

Un aiuto concreto.

Fino al 30 novembre tutti i libri di Prospettiva edizioni con il 20% di sconto**, e se li vuoi ricevere a casa la spedizione non ti costa nulla.

Per richiedere i libri puoi rivolgerti ai recapiti de La Comune oppure scrivi a: info.prospettiva@gmail.com o vai sul sito www.prospettivaedizioni.it

** eccetto le novità e i libri già in promozione 


Print
PDF

“Tutto andrà bene”?

I nuovi faraoni…

Tra aprile e luglio i “super-ricchi” del mondo hanno visto incrementare il loro patrimonio personale mediamente del 27,5%. È un gigantesco spostamento di ricchezze in un tempo brevissimo, una concentrazione nelle mani di pochissime persone – i circa duemila miliardari esistenti al mondo – a danno delle maggioranze sempre più impoverite.

Ad esempio Jeff Bezos, padrone di Amazon, in quattro mesi ha aumentato il suo patrimonio personale di 74 miliardi di dollari. Nulla da invidiare a faraoni, zar e imperatori del passato: Bezos e i suoi compari hanno fatto soldi a palate grazie alla crisi pandemica, così come di norma accade in tempi di guerre, carestie, terremoti. Gli economisti spiegano tale polarizzazione delle ricchezze con la “propensione al rischio”, in tempi incerti, di chi abbia disponibilità di capitali. È un meccanismo disumano che moltiplica le sofferenze delle maggioranze; in tempi di emergenza, poi, i più sfortunati rischiano la vita.

…e i dannati della Terra

Direttamente o indirettamente, tanto la pandemia che il surriscaldamento ambientale moltiplicano la fame nel mondo. Già prima della diffusione del Covid, l’Onu registrava circa 690 milioni di persone denutrite al mondo (60 milioni in più dal 2014 al 2019). I bambini sono i più colpiti. Non esistono ancora dati che registrino l’impatto della pandemia, ma le proiezioni sono tragicamente prevedibili. Basti pensare alle limitazioni sofferte dalla cosiddetta economia informale e che in molti paesi dell’Africa subsahariana e dell’Asia meridionale la chiusura delle scuole impedisce a milioni di bambini di ricevere l’unico pasto della giornata.

L’obiettivo “fame zero nel 2030” dell’Agenda Onu è più lontano che mai; l’assegnazione del premio Nobel per la pace alla sua agenzia World Food Programme sembra più una beffa irridente che un riconoscimento agli sforzi dei volontari che vi si impegnano.

Speciali

fronteggiando



controilvirus

Appelli

appellosanatoria 

 Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Leggi e sottoscrivi l'appello qui


iocuro

Io curo - Insieme per la salute

Leggi l'appello

Vedi il video

Per sottoscrivere questo appello contattaci a: iocuro.insiemeperlasalute@gmail.com

visita il nostro nostro blog : https://iocuro.wordpress.com/


appello scuola

Appello contro il decreto della digitalizzazione

Fronteggiare l'emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Leggi l'appello

Vedi il video

Se lo condividi puoi sottoscriverlo alla mail:     alcentrolerelazioni@gmail.com e farlo conoscere, scaricalo qui

 


appellobimbi

Giù le mani dai bambini!

Leggi l'appello