primapagina

Quanto cercheremo una rinnovata saggezza della comune umanità, invece di aggravare l’irragionevolezza dell’individualismo imperante? 

Reagire! di Dario Renzi, LC n° 357

pe-logo

Un aiuto concreto.

Fino al 30 novembre tutti i libri di Prospettiva edizioni con il 20% di sconto**, e se li vuoi ricevere a casa la spedizione non ti costa nulla.

Per richiedere i libri puoi rivolgerti ai recapiti de La Comune oppure scrivi a: info.prospettiva@gmail.com o vai sul sito www.prospettivaedizioni.it

** eccetto le novità e i libri già in promozione 


Print
PDF

langEs langFr langEn langIt langde pt

Identità umane

I tempi attuali grondano di assurdità, di negazioni eclatanti, di falsificazioni sfacciate. Se ne può sorridere o anche ridere a crepapelle. Ma poi ti accorgi che una sana reazione ironica non basta. Ci si può legittimamente indignare, ma anche questo non basta. Si può pensare che il profluvio di illogicità, e tecno-illogicità, non ci scalfisca ma poi ci accorgiamo che anche solo indirettamente ci affetta.

Allora conviene andare alla radice senza dare per scontate verità universali fondamentali ma anzi facendone un vessillo da tenere alto e ben visibile.

Siamo umani, facciamo tutte e tutti parte della specie umana che è costituita da due generi: femminile e maschile. Ciascuna e ciascuno è un individuo unico e diverso da tutti gli altri.

Ciascuna e ciascuno opera le sue scelte anche riguardo all'orientamento sessuale, che può cambiare durante il corso della vita e deve poter essere liberamente espresso.

Alcune persone, per motivi bio-anatomici o di altro tipo, sentono l'esigenza di intraprendere il doloroso percorso di modifica anche drastica di alcuni tratti del proprio organismo da maschili a femminili o viceversa.

Questi sono fatti incontrovertibili. Li abbiamo elencati in ordine di priorità: specie, genere, scelte di orientamento, eventuali transizioni.

Tutti non smettiamo mai di essere parte della specie umana, la quale non smette mai di essere costituita da donne e uomini.

L'identità di ciascuna/o non smette mai di essere costituita da vari fattori alcuni dei quali non dipendono dalle nostre scelte. Negarlo significa perdersi nelle sabbie mobili della perdita di qualunque identità. Teorizzare la "fluidità"(?!), la "neutralità"(?!), la momentaneità (questa settimana mi sento donna?!) ha gravissime conseguenze. Tra le e i giovani e adolescenti ne vediamo già i frutti avvelenati, per non parlare delle conseguenze sul lungo periodo.

Colpisce la rapidità con cui la declinazione anche femminile per la quale abbiamo lottato 160 anni in un mondo maschile e patriarcale passa "di moda".

Abbiamo il fondato sospetto che si tratti di ulteriore feroce reazione al protagonismo femminile: ancora una volta contro le donne e quindi contro l'umanità tutta e le sue possibilità di autoemancipazione. Il sospetto si fa certezza quando gli Stati legiferano sull'autodefinizione di genere (?!). Gli Stati, alla cui origine, 5000 anni fa, stanno la guerra e il patriarcato. Gli Stati che osano legiferare sui corpi e sulle scelte delle donne e sulla vita intima delle persone definendone legalmente le relazioni.

Ancora una volta andare alle origini conviene. E dire la verità è un dovere.

18 luglio 2020

Sara Morace

Speciali

fronteggiando



controilvirus

Appelli

appellosanatoria 

 Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Leggi e sottoscrivi l'appello qui


iocuro

Io curo - Insieme per la salute

Leggi l'appello

Vedi il video

Per sottoscrivere questo appello contattaci a: iocuro.insiemeperlasalute@gmail.com

visita il nostro nostro blog : https://iocuro.wordpress.com/


appello scuola

Appello contro il decreto della digitalizzazione

Fronteggiare l'emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Leggi l'appello

Vedi il video

Se lo condividi puoi sottoscriverlo alla mail:     alcentrolerelazioni@gmail.com e farlo conoscere, scaricalo qui

 


appellobimbi

Giù le mani dai bambini!

Leggi l'appello