Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

primapagina

 

Cda2020

 

       




La Campagna è conclusa!  Abbiamo raccolto 461024 euro 

GRAZIE A TUTTE E TUTTI!   

    


Print
PDF

Le destre e la regolarizzazione

False e razziste


Vergognosa, falsa e razzista la reazione delle destre sulla regolarizzazione. Salvini e Meloni, ormai sempre più parenti serpenti in competizione per conquistarsi la leadership a destra, agitano le piazze. Con i soliti triti e tristi slogans fomentano le divisioni e contrapposizioni ingiustificate tra stranieri e residenti. In questa canea razzista si distingue Libero – quotidiano supporter del truce Salvini – che con un titolo disgustoso e irrispettoso per le tutte le vittime da Covid -19 giunge a parlare di sostituzione etnica: con la regolarizzazione i morti verrebbero rimpiazzati degli immigrati.

Ignoranza e disprezzo dell’umanità e della sua condizione, portano a queste aberrazioni. Non si nasce, né si sceglie di essere clandestini: è la conseguenza imposta da legge disumane. I decreti scurezza di Salvini, infatti, cancellando i permessi umanitari, hanno gettato migliaia di persone nell’illegalità consegnandoli nelle mani predatorie di caporali e padroni. Senza senso poi agitare una “regolarizzazione” degli italiani, quando questi hanno sempre la possibilità di denunciare e far emergere il lavoro nero. La fuoriuscita dalla condizione di irregolarità degli immigrati, invece, è un vantaggio per tutti, specie ora in emergenza sanitaria, per mettere tutti nella possibilità di potersi curare. Per le destre quindi gli immigrati meglio illegali e senza diritti, per essere sfruttati e criminalizzati. Il modo per alimentare insicurezza per tutti, e la dimostrazione che l’egoismo e la cattiveria sono un danno per tutti.

Speciali

fronteggiando



controilvirus