primapagina

Quanto cercheremo una rinnovata saggezza della comune umanità, invece di aggravare l’irragionevolezza dell’individualismo imperante? 

Reagire! di Dario Renzi, LC n° 357

pe-logo

Un aiuto concreto.

Fino al 30 novembre tutti i libri di Prospettiva edizioni con il 20% di sconto**, e se li vuoi ricevere a casa la spedizione non ti costa nulla.

Per richiedere i libri puoi rivolgerti ai recapiti de La Comune oppure scrivi a: info.prospettiva@gmail.com o vai sul sito www.prospettivaedizioni.it

** eccetto le novità e i libri già in promozione 



Il due giugno delle feccie tricolori

J.A.

Leghisti, italioti affratellati o forzati, neo (e vetero) fascisti, arancionisti con gilet o senza, complottisti, antivaccinisti, monarchici, nostalgici, selfisti anonimi. Pochi e cattivi, tutti irresponsabilmente assieme, pericolosi certamente per la salute ma soprattutto per la vita di tutti. Orgogliosamente razzisti – brandivano cartelli contro la già escludente regolarizzazione governativa –, minacciosi verso donne e immigrati, solidali con Trump e la sua politica di odio, servili verso i potenti e rancorosi verso ogni diversità, nel vuoto di proposte e di idee che caratterizzava quella piazza, hanno gettato per l’ennesima volta la maschera che copre il volto sporco della destra italiana.[leggi tutto]


 

ECDC: di fronte alla pandemia una "calma" irresponsabile

Giovanni Pacini

Il 18 febbraio, tre giorni prima che venga alla luce il focolaio di Coronavirus a Codogno, il Consiglio tecnico del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) - agenzia dell'Unione Europea per la difesa nei confronti delle malattie infettive - si riunisce per discutere del Covid 19.[leggi tutto]


 

Il trucco e parrucco del sistema

B.S.

“Giuro che al prossimo servizio sui parrucchieri smetto per sempre di guardare il telegiornale!”, dice una compagna alla riunione del coordinamento locale romano de La Comune. E vi assicuro che non è una donna poco piacente né che si interroga poco sulla propria bellezza: solo che sa che colore e messa in piega ne sono conseguenze, non la fonte. Come darle torto?[leggi tutto]


 

Il governo Conte al servizio della Fiat e del Padronato

Renato Scarola

La Fiat ha richiesto di ben 6 miliardi e mezzo di prestito al governo a condizioni molto vantaggiose. L’esecutivo presieduto da Conte non versa invece una lira alla gente più povera e bisognosa, in tanti casi ridotta alla fame dall’emergenza per l’epidemia del Coronavirus. Le concessioni alla Fiat sono un ulteriore espressione del carattere filo padronale del governo Conte che sta assecondando i voleri prepotenti della Confindustria assetata di profitti. Ai padroni della salute e della vita di chi lavoro non importa proprio un bel niente.[leggi tutto]


un’importante vittoria della solidarietà

Reintegrato Gabriele Sarti

J.A.

Gabriele Sarti ha vinto. Il lavoratore della cooperativa ATI, che svolge servizi di raccolta differenziata nel Mugello in provincia di Firenze, era stato licenziato dall’azienda perché aveva denunciato pubblicamente, all’inizio dell’emergenza Covid-19, la mancanza di dispositivi di protezione per i lavoratori, che oltretutto lui rappresentava in quanto delegato sindacale.[leggi tutto]


 

langFr

Riceviamo e pubblichiamo questa presa di posizione dell’Associazione antirazsita e interetnica 3 febbraio contro il recente decreto del governo sulla regolarizzazione dei lavoratori immigrati

Una regolarizzazione che esclude e complica la vita

Il decreto approvato dal governo non riguarda tutti gli immigrati cosiddetti irregolari. Si dà vita ad una regolarizzazione soltanto per i settori dell’agricoltura, allevamento, pesca e acquacoltura, colf e badanti. Chi lavora in altri ambiti ne è ingiustamente escluso. Dei margini potrebbe esserci per chi ha perso il soggiorno (quello umanitario ad esempio a causa del decreto Salvini) per averne uno temporaneo per ricerca di lavoro, ma solo se dimostra di avere lavorato prima del 31 ottobre 2019 e solo in quei settori.[leggi tutto]


 

Le destre e la regolarizzazione

False e razziste

Michele Giammario

Vergognosa, falsa e razzista la reazione delle destre sulla regolarizzazione. Salvini e Meloni, ormai sempre più parenti serpenti in competizione per conquistarsi la leadership a destra, agitano le piazze. Con i soliti triti e tristi slogans fomentano le divisioni e contrapposizioni ingiustificate tra stranieri e residenti. In questa canea razzista si distingue Libero – quotidiano supporter del truce Salvini – che con un titolo disgustoso e irrispettoso per le tutte le vittime da Covid -19 giunge a parlare di sostituzione etnica: con la regolarizzazione i morti verrebbero rimpiazzati degli immigrati.[leggi tutto]


 

Contro la digitalizzazione della scuola

Federico Gattolin

Mi sono connesso anch’io assieme ad altri 1500. “Assemblea” sindacale della scuola della provincia di Firenze. Una kermesse auto celebrativa dei sindacati “maggiormente rappresentativi”, già ricevuti il giorno prima dalla ministra Azzolina, e pronti a presentarsi come gli insostituibili tutori dei lavoratori. [leggi tutto]


 

Tricolore contro la libertà

J.A.

Dopo 18 mesi di prigionia Silvia Romano è tornata in Italia, ma non è libera. Ora, probabilmente, sarò costretta a vivere sotto scorta per le minacce e le ingiurie ricevute dopo la sua liberazione. È offesa e messa in pericolo perché accusata tanto dai soliti odiatori in rete quanto dalla stampa di destra di essere una donna, di aver sofferto, di aver resistito, di essere solidale, di essere diventata musulmana, di indossare un velo, di essere costata soldi allo Stato, di essere stata salvata. [leggi tutto]


 

pandemia

niente crisi per l’industria di morte

Implosione minacciosa

Michele Santamaria

Con l’emergenza della pandemia sta precipitando tutto. Il dramma delle vittime e il dolore per la perdita delle persone care si intreccia con la sofferenza dei contagiati. Emergono di pari passo le responsabilità criminali di governi, Stati e istituzioni politiche e padronali che hanno aggravato la situazione. Aumentano povertà e disoccupazione ovunque, e altrettanta disperazione. Per tanti immigrati e lavoratori in nero l’incertezza dell’oggi acuisce più di prima quella del domani. Le piccole attività produttive e di distribuzione sono lasciate a se stesse. La condizione umana soprattutto per gli ultimi e i più deboli è rapidamente peggiorata. [leggi tutto]


Per i lavoratori e le lavoratrici

100% dignità e sicurezza

J.A.

La questione della sicurezza sui luoghi di lavoro è un problema che viene da lontano. Negli ultimi anni in Italia, la media parlava di più di mille morti sul lavoro all’anno (3 al giorno!) e migliaia di incidenti. Ma il contagio da Coronavirus ha rivelato in tutta la sua crudezza la questione più generale della salute dei lavoratori e delle lavoratrici, di come (non) vengano applicati i protocolli di sicurezza, di come (non) vengano forniti i Dispositivi di protezione individuale, di come (non) vengano sanificati i luoghi di lavoro, ecc.[leggi tutto]


Contro la paura di Stato

J. A.

Genitori multati per aver accompagnato la figlia malata ad un controllo post trapianto, anziani sanzionati per aver cercato riposo su una panchina durante una fila al supermercato, coppie pestate dai vigili urbani mentre portavano la nettezza al cassonetto, infermiere fermate e denunciate al termine del turno di notte perché lontane da casa… and so on![leggi tutto]


In ricordo di Dennis

Tommaso Mariotti

Ci ha lasciato a soli 65 anni a causa del coronavirus Dennis, trascinante frontman dei Dennis & The Jets, storica rock’n’roll band della scena fiorentina. Dennis dava alla musica quel senso della gioia di vivere che emerse con il rock tra gli anni Sessanta e Settanta, periodo in cui cominciò a suonare. [leggi tutto]


A proposito delle parole del papa

La carità della politica ??!

C.Lo.

Ma abbiamo sentito bene l’omelia di Bergoglio a Santa Marta ieri o era troppo presto? Preghiamo per gli uomini e le donne con la vocazione della politica… La politica è una forma alta di carità… La politica??! Quella che ha fatto primeggiare Trump e Bolsonaro, Xi Ping e Putin, Orban, Johnson e Salvini, ma anche tutti i loro presunti oppositori che scorrazzano nello stesso recinto??[leggi tutto]


Le armi non si fermano

F.B.

Le industrie che producono armi e sistemi militari continuano a farlo anche nel periodo di lockdown, per non interrompere la vendita di strumenti bellici, a partire dai caccia F-35 fino alle pistole e ai fucili. Il governo concede uno status privilegiato all’industria delle armi che hanno la possibilità, proprio mentre vengono rafforzate le decisioni di limitazione agli spostamenti personali, di continuare la produzione. [leggi tutto]


Pubblicità regresso

B.S.

Se vi stavate chiedendo cosa potesse ulteriormente appesantire i già considerevoli fastidi del periodo, ecco che puntuale la risposta arriva dall'elettrodomestico in salotto: come temevamo, i pubblicitari si sono accorti che c'è un'emergenza, e puntuali eccoli attrezzati alla bisogna. [leggi tutto]


Come insegnanti, educatori e lavoratori nella scuola de La Comune abbiamo avvertito il bisogno di reagire alla disumanizzazione provocata dalla cosiddetta “didattica” a distanza, abbiamo redatto questo testo proponendoci di farlo conoscere e sottorscrivere a quante/i, tra le persone che lavorano nella scuola, lo condividono.

Appello contro il decreto della digitalizzazione

 Fronteggiare l’emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Viviamo ormai da settimane la situazione eccezionale e drammatica dovuta all’epidemia del coronavirus: le lezioni sono sospese da molte settimane, noi e i nostri studenti, grandi e piccini, siamo chiusi nelle nostre case. Il Miur, dopo un balletto di mini-proroghe e circolari, ha emesso l’8 aprile un decreto che presenta molti e seri problemi di legittimità. I poteri speciali conferiti al Ministro della Pubblica Istruzione vengono impiegati per violare il contratto di lavoro e i diritti di chi nella scuola ci lavora, oltre a conferire validità alle delibere di riunioni on line, e per rendere arbitrarie le modalità relative ai processi di assunzione e regolarizzazione del personale.[leggi tutto] 


Corrispondenza da Milano

Una buona idea

Gianpiero M.

Questa lettera vuole raccontare una storia. In questi giorni difficili, nei quali la vita nelle nostre città è improvvisamente cambiata per tutti, scopro che provare a risolvere un’esigenza pratica con un pizzico di creatività, può diventare un’occasione di incontro bella e calorosa. Mancavano pochi giorni all’uscita dell’ultimo numero del nostro giornale, particolarmente atteso da tante persone.[leggi tutto] 


Corrispondenza da Brescia

Il dramma nella cura

R. M. 

Il personale assistenziale e sanitario che si suppone possa essere stato contagiato, in caso di assenza di sintomi, deve rientrare al lavoro in attesa della risposta del tampone, fino al suo esito. Queste sono le direttive sanitarie della regione Lombardia.[leggi tutto] 


La Alan Kurdi bloccata in mare

La pax politica che piace a Salvini

Jacopo Andreoni

La nave Alan Kurdi della Ong Sea Eye è bloccata in acque internazionali tra la Libia e l’Italia con 150 persone a bordo, soccorse in mare e in attesa di un porto sicuro. Ma c’è l’epidemia – dicono i governanti Pd e M5S italiani – e allora niente sbarco: un decreto interministeriale fatto in fretta e furia e firmato dai ministri delle Infrastrutture, degli Esteri, dell’Interno e della Salute vieta l’accesso alle acque territoriali italiane alle navi delle Ong. [leggi tutto] 


Sanità lombarda

Quale eccellenza?

Jacopo Andreoni

“La sanità pubblica e la medicina territoriale sono state da molti anni trascurate e depotenziate nella nostra Regione”. Così, con 18 parole in una lettera scritta dall’Ordine dei medici della Lombardia alle autorità regionali, crolla definitivamente il mito della sanità lombarda e leghista d’eccellenza.[leggi tutto]

 


Smart Working

L’ossessione tecno-lavorista

Giorgio Floridia

Profitto, profitto e ancora profitto. È l’ossessione padronale per l’accumulo che non si arresta mai, la logica confindustriale incurante della salute delle persone che lavorano. Basterebbe l’esempio di quello che è successo a Brescia, una città ad altissima concentrazione di contagiati da coronavirus in cui – come è risaputo – le moltissime fabbriche di armi hanno continuato a produrre il loro carico di morte.[leggi tutto]

 


Corrispondenza da Bergamo

Il dolore e la vicinanza umana

Riccardo Casali

Bergamo è la provincie Italiana più colpita dal Coronavirus. Le responsabilità sul diffondersi del contagio delle amministrazioni locali e del padronato sono grandi, le centinaia di fabbriche piccole e medie presenti nelle valli sono state chiuse con forte ritardo ed anche ora, alcune produzioni non essenziali, continuano indisturbate, con un vergognoso rimpallo di responsabilità tra politici e imprenditori locali.[leggi tutto]


Chi soddisfa i bisogni?

Jacopo Andreoni

La retorica statale si riempie la bocca delle misure di sostegno straordinarie ai bisogni delle persone in questa emergenza (inclusa la surreale proposta di Reddito universale di Grillo, destinato a tutti i cittadini, superborghesi compresi!). Ma nella realtà i pochi spiccioli delle regalie di Stato non tappano la voragine delle bugie governative. Ci sono in questo paese milioni di persone che vedono la loro sopravvivenza a rischio e non solo per il virus[leggi tutto]


Al sicuro dal coronavirus e dalla violenza

Martina Caselli

Nell’emergenza planetaria le donne non smettono di prendersi cura degli altri, anzi. Sostengono e confortano, accompagnano e accudiscono, progettano e trovano soluzioni. Molte, dottoresse e infermiere, sono in prima fila negli ospedali, alcune si stanno provando nell’ardua impresa di combinare telelavoro e accudimento dei bimbi e altre il lavoro lo hanno già perso e per loro sarà più difficile trovarlo rispetto ai propri compagni maschi.[leggi tutto]

 


destre senza pudore

Gli sciacalli

Jacopo Andreoni

Nel giro di un mese hanno proposto di chiudere, di aprire, di richiudere, di riaprire, di ri- richiudere... Insomma hanno affermato tutto e il contrario di tutto e alla fine hanno detto che avevano ragione loro. Salvini e Meloni, e con loro le vergognose destre italiane pressoché in toto, hanno dato in questi giorni l’ennesima dimostrazione della loro pericolosa natura, mentendo, spargendo fake news, facendo crescere paure ingiustificate – con tanto di caccia all’untore immigrato, rom o ancor meglio cinese – lucrando in termini elettorali e di consenso sulla situazione attuale, strizzando l’occhio alle tentazioni autoritarie di alcuni e incitando il governo a ulteriori strette repressive.[leggi tutto]

 


Per fermare il contagio

Grande fratello o meglio umani assieme?

Simona Persico

Il Grande fratello è ciò che ci propone il ministero della Salute, con l'Istituto Superiore di Sanità e l'Organizzazione Mondiale della Sanità: proprio ieri hanno lanciato un appello con l’obiettivo di individuare app e tecnologie per il monitoraggio e il contrasto alla diffusione del Covid-19[leggi tutto].


Sosteniamo gli scioperi per difendere la salute di tutti

La Comune

È grazie agli scioperi dei lavoratori – avvenuti già in piena epidemia – che si è posta all’attenzione dell’opinione pubblica la questione del lavoro. Hanno costretto Confindustria, Governo e Sindacati ad una trattativa partorendo poi un vergognoso accordo che lascia intatta l’arbitrarietà e l’arroganza padronale. L’ingordigia criminale e disumana dei padroni e la loro logica di accumulo di profitti è senza fondo.[leggi tutto]


La scuola attraverso uno schermo

Elisabetta Bianchi

Schermi di pc o più spesso di smartphone, piattaforme, classroom, file e moduli, ore di video lezioni in diretta o registrate, questa è la realtà di ogni famiglia con almeno un bimbo o un adolescente a casa. Chiaramente parliamo di chi ha una connessione e il minimo dell’attrezzatura necessaria, per gli altri c’è chi ha addirittura l’ardire di segnarli assenti.[leggi tutto]


8.000 medici

Silvia Ghidotti

Ottomila medici – di cui 1000 in pensione – hanno risposto all'appello lanciato ieri dal governo che ha richiesto 300 volontari per andare ad operare nelle zone di emergenza sanitaria, in cambio del riconoscimento di un’indennità per le spese, il vitto e l’alloggio. È una grande risposta umana: persone che mettono a frutto la propria professionalità, anche rischiando sulla propria pelle, visto che attualmente i sanitari risultati positivi al virus sono circa 3000, per salvare vite umane.[leggi tutto]


Solidarietà con i lavoratori della Amazon

Renato Scarola

Negli stabilimenti Amazon di Passo Corese ( Rieti) e Castel San Giovanni ( Piacenza ) i lavoratori – in gran parte immigrati – sono in sciopero perché i padroni della multinazionale non garantiscono i minimi criteri di sicurezza sanitari.[leggi tutto]


No alle pericolose dichiarazioni fascistoidi di De Luca 

Più coscienza e senso di responsabilità!

Sergio Esposito

Questa volta non è un’imitazione di Crozza, non è fiction ma realtà: tramite il sito della regione Campania, lo sceriffo-presidente Vincenzo De Luca arriva ad elogiare “i metodi pedagogici ed educativi” attuati dal regime stalino-fascista cinese per affrontare l’emergenza corona-virus, cioè la fucilazione per chi trasgredisce alla quarantena. Il decadente e corrotto politico campano, lucrando sull’emergenza in corso, cerca di guadagnare campo e consensi sollecitando le peggiori intenzioni negative e violente presenti nei settori più retrivi della società [leggi tutto].


Viva Aqualung

Barbara Spampinato

Ascoltate Aqualung, il clochard cantato dai Jethro Tull nel 1971. Vive ai margini della società perbene, che scruta e giudica con pensieri talvolta sconnessi o sbagliati, più spesso lucidi e sferzanti. Guarda senza essere visto. E se noi guardiamo bene, ne vedremo molti come lui in questi giorni nelle nostre città [leggi tutto].

 


Pieno appoggio alle lavoratrici e lavoratori

In lotta per difendere la salute

Renato Scarola

Appoggiamo gli scioperi e le mobilitazioni per difendere la salute nei luoghi di lavoro.In diversi luoghi le lavoratrici e i lavoratori hanno scioperato per avere garanzie minime di sicurezza sanitaria per evitare contagi dal virus o per interrompere la produzione. Hanno affermato “Non siamo carne da macello” e denunciato come il governo abbia fatto propri i desiderata padronali, assecondando la linea dettata dalla Confindustria per la quale la produzione doveva continuare.[leggi tutto]


Il carcere al tempo del Coronavirus

Salvatore Tassinari

È nota a molti la condizione di grande sofferenza e precarietà in cui versano le carceri italiane, in primo luogo a causa del sovraffollamento (oltre 61.000 detenuti per una capienza normale di non più di 45.000 persone), che costringe le persone a vivere ammassate in spazi ristretti (mediamente una cella ha una superficie di 3 metri per 2, ed è abitata da 2-3 carcerati). Già nel 2013 l'Italia fu condannata dalla corte europea dei diritti umani per le "condizioni disumane e degradanti" in cui versavano (versano) i detenuti nelle carceri del nostro paese. Nelle carceri c'è poco lavoro, i detenuti sono chiusi nelle celle per 20 ore al giorno, costretti a un ozio che incattivisce le persone e produce violenza. Diffusissimi i casi psichiatrici o borderline. Il 25% delle persone detenute sono tossicodipendenti (circa 15.000 unità).[leggi tutto]


Una notte in reparto

Trotula

Ore 20, inizia il turno notturno. Arrivo già stanca della settimana precedente. I numeri crescono e così anche i pazienti che hanno bisogno di cure ospedaliere. Liberiamo, spostiamo, dimettiamo per far posto ad altri malati che ormai giungono in molti, facendo i conti con i tagli dei precedenti anni a danno dei reparti per "anziani"; sono così denominati, ma guardandosi intorno ora gli anziani sono pochi.Arrivo nel reparto di Medicina, trasformato in unità COVID -19 positivi. [leggi tutto]

Speciali

fronteggiando



controilvirus

Appelli

appellosanatoria 

 Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Leggi e sottoscrivi l'appello qui


iocuro

Io curo - Insieme per la salute

Leggi l'appello

Vedi il video

Per sottoscrivere questo appello contattaci a: iocuro.insiemeperlasalute@gmail.com

visita il nostro nostro blog : https://iocuro.wordpress.com/


appello scuola

Appello contro il decreto della digitalizzazione

Fronteggiare l'emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Leggi l'appello

Vedi il video

Se lo condividi puoi sottoscriverlo alla mail:     alcentrolerelazioni@gmail.com e farlo conoscere, scaricalo qui

 


appellobimbi

Giù le mani dai bambini!

Leggi l'appello