primapagina

Quanto cercheremo una rinnovata saggezza della comune umanità, invece di aggravare l’irragionevolezza dell’individualismo imperante? 

Reagire! di Dario Renzi, LC n° 357

pe-logo

Un aiuto concreto.

Fino al 30 novembre tutti i libri di Prospettiva edizioni con il 20% di sconto**, e se li vuoi ricevere a casa la spedizione non ti costa nulla.

Per richiedere i libri puoi rivolgerti ai recapiti de La Comune oppure scrivi a: info.prospettiva@gmail.com o vai sul sito www.prospettivaedizioni.it

** eccetto le novità e i libri già in promozione 


Print
PDF

Sud Sudan

di nuovo in fuga

Dalla metà di giugno sono ripresi gli scontri e nuove brutali violenze nelle regioni orientali del paese. Medici senza frontiere, che da tempo opera nell'area, denuncia la gravità della situazione sanitaria: le persone ferite e in fuga, bisognose di cure, si aggiungono a coloro che sono colpiti dalla malaria, molto diffusa, e alla malnutrizione che dilaga tra i più piccoli. Come sempre, infatti, a pagare il prezzo degli scontri tra le differenti fazioni sono le donne e i bambini inermi.

La storia di questo paese, grande due volte l'Italia ma con una popolazione giovanissima che non arriva a un quarto di quella italiana, è particolarmente martoriata, tra un passato coloniale e le lunghe guerre civili e di indipendenza in cui lo scontro tra potentati locali è periodicamente rinfocolato dagli interessi di potenze regionali e internazionali.

Il rispetto nei confronti delle vittime non consente alcun fatalismo; piuttosto è necessario riflettere su quanto amari siano i frutti delle strade politiche di presunta liberazione dall'oppressione. Il Sud Sudan è lo Stato di più recente costituzione al mondo: ha ottenuto l'agognata indipendenza nove anni fa, sancita da un referendum in cui il 99% dei votanti si è espresso per l'indipendenza; eppure in questi anni non ha visto un giorno di pace ed è al quarto posto sul pianeta come numero di profughi.

Print
PDF

India

In lotta per difendere la terra

In India, dal 20 giugno un'ondata di proteste dei contadini e delle contadine organizzate dal sindacato KRRS (Associazione dei contadini dello Stato del Karnataka) hanno investito decine di città della stessa regione per contestare l'approvazione di alcuni emendamenti alla legge di riforma agraria. Il governo locale vuol favorire speculatori immobiliari e grandi proprietari terrieri che vogliono occupare sempre più terre, estromettendo i contadini ed ha cercato di approfittare delle restrizioni dovute alla pandemia Covid19, sperando così di non dover affrontare l'opposizione dei lavoratori della terra. Questi emendamenti favoriranno la cementificazione, l'espansione della grande proprietà terriera, la distruzione delle varietà locali e aumenteranno l'inquinamento da pesticidi e concimi chimici, a scapito dell'ambiente, dei piccoli agricoltori e delle contadine senza terra che coltivano terre comuni in prossimità di aree selvagge o affittano piccoli appezzamenti che altri non usano, per realizzare, in prevalenza, piccoli orti e campi per autoconsumo familiare. In India, il 56% dei coltivatori sono donne, e solo una piccola percentuale di loro possiede i titoli di accesso alla proprietà della terra. Le lotte contadine, in quel Paese, sempre più spesso, tendono ad unire, nei fatti, le rivendicazioni per i diritti e la difesa delle risorse ambientali.

Print
PDF

Iniziative per la sanatoria

img-20200630-wa0005Con l'appello "Siamo qui- sanatoria subito" nell'ultima settimana si sono mobilitate in Italia centinaia di persone. Da Trento a Palermo, da Firenze a Novara fino al presidio che c'è stato a Roma il 26 giugno al Pantheon dove si sono ritrovate alcune delle forze che sostengono l'appello: noi de La Comune e dell'A3F i centri sociali del Nord-Est e delle Marche e alcune associazioni di volontari. Di queste, le iniziative più importanti sono state quelle promosse da La Comune con la comunità del Bangladesh e alcune realtà solidali a Firenze dove centinaia di fratelli e sorelle immigrati sono scesi in piazza per la sanatoria e contro il razzismo e a Novara dove abbiamo promosso un presidio contro le violenze razziste e per la sanatoria di tutti e tutte gli immigrati a cui hanno partecipato varie realtà organizzate ma soprattutto centinaia di giovani ne sono stati protagonisti. Il segnale unitario che viene da questi momenti è significativo visto l'urgenza di trovare piani comuni di intesa di fronte alle emergenze che viviamo e purtroppo alla frammentazione delle iniziative. Questo primo quadro dà a noi de La Comune spunti di riflessione e incoraggiamento per rilanciare l'impegno del Forum Indivisibili e solidali sul piano locale locale conoscendo e approfondendo la relazione con le realtà della solidarietà diretta, autorganizzata, antirazzista.

Read more...

Print
PDF

Manifestazioni antirazziste

Non cedere all'escalation

Ieri a Louisville, Kentucky, un bianco ha sparato contro i manifestanti antirazzisti scesi in piazza come ogni giorno dal 25 maggio. Contemporaneamente era stato autorizzato un controraduno di “patrioti”, come si definiscono i suprematisti bianchi di Ku Klux Klan e affini. Si sono recati in strada armati, e lo erano anche alcuni fra gli attivisti di Black Lives Matter. Prevedibile ciò che sarebbe successo: l'uomo, incoraggiato dalle grida dei razzisti inneggianti al potere bianco, ha sparato decine di volte sulla folla uccidendo un uomo e ferendone un altro.

Nella giornata, Trump ha salutato i suprematisti bianchi come “persone fantastiche” con un tweet che è stato poi costretto a cancellare per la scarica di indignazione proveniente anche dal campo repubblicano.

Negli Stati uniti risiede il 4,4% della popolazione terrestre, ma il 42% dei civili armati del mondo. Basta questo a rendere la situazione davvero pericolosa ma, se quello di Louisville dovesse essere un precedente per le prossime manifestazioni e dovesse dunque cronicizzarsi un'escalation della violenza armata, può peggiorare con enormi danni per l'incolumità e le coscienze delle persone comuni. Per prime quelle che si esprimono oggi contro il razzismo e che si trovano ancora una volta a piangere vittime innocenti.

Print
PDF

Sulla vicenda di Mondragone...

Pensiamo alla salute, combattiamo razzismo, schiavismo e criminalità

Una donna partorisce in un ospedale e viene trovata positiva al Covid-19, di qui si risale ai possibili contagiati. Pensando alla salute della donna, del suo bambino, a quella dei vicini e della comunità nell'assieme tutto potrebbe svolgersi con cura, attenzione e rispetto pur attivando le giuste misure di contenimento e distanziamento e garantendo il giusto sostegno a chi è in quarantena. Siamo a Mondragone (CE), nella terra dello schiavismo e dello sfruttamento. La donna è della comunità bulgara e vive in un quartiere ghetto dove la gente è costretta ad ammassarsi in case fatiscenti, unica di dimora per che sgobba nelle campagne 10 ore al giorno per 30 euro. A questo si aggiunge la repressione delle istituzioni, lo sciacallaggio dei politici, la violenza di fascisti e criminali che hanno interesse a distrarre l'attenzione dallo sfruttamento feroce per dirottarlo sugli immigrati sporchi e cattivi. Denunciamo per prima cosa proprio lo schiavismo e il razzismo, mali da combattere la cui cura è quanto mai urgente oggi. Promuoviamo e proponiamo l'impegno per la cura di tutti gli esseri umani affermando il diritto ad una vita degna per gli immigrati e i residenti della zona. Solo insieme, unendosi e non scontrandosi si possono affrontare le emergenze e i mali che ci attaccano.

Con questo spirito invitiamo tutti/e alla Assemblea di solidarietà e contro il razzismo promossa dalle realtà che fanno riferimento al Forum Indivisibili e Solidali (A3F, la Comune, Comunità Senegalese, Comunità Lankitalia dello Sri Lanka, Associazione Manden del Mali, Comunità del Bangladesh, Comunità del Pakistan, Comunità indiana):

Mercoledì 1° luglio alle ore 18 in Vico Donna Romita 12 – Chiesa di Donna Romita (presso piazza S. Domenico a Napoli)

La Comune Napoli, via Nardones 14 tel. 0813447895

Print
PDF

Ustica

40 anni di menzogne di Stato

Il 27 giugno del 1980 precipitava a Ustica il Dc 9 Itavia da Bologna a Palermo. Il tragico bilancio fu di 81 morti, tra cui 13 bambini.

Da subito cominciò l'opera di depistaggio statale, tra menzogne e decessi in "strani" incidenti di testimoni scomodi. Come causa della tragedia da subito si cercò di sostenere la tesi del cedimento strutturale o della bomba a bordo. Tesi smentita dalle perizie e ora accertata anche nelle aule dei tribunali: il DC9 fu abbattuto da un missile.

La verità è che quel giorno nei cieli italiani ci fu uno scontro bellico. Sotto il Dc 9, per nascondersi ai radar, volava un Mig23 libico. Ma in volo c'erano anche dei caccia della Nato, molto probabilmente francesi o americani, come è testimoniato dai tracciati radar. Per abbattere il Mig, da uno dei caccia, è partito un missile che ha colpito anche il Dc9. Anche il ritrovamento, qualche tempo dopo, del Mig23 libico abbattuto e del pilota morto sono una conferma di questa tesi. Secondo le perizie il pilota libico era deceduto proprio il 27 giugno.

A distanza di 40 anni però la strage di Ustica è rimasta impunita. È una strage di Stato e degli Stati e una conferma di come questi si fondino sulla guerra e sulla menzogna. Se si sono cominciati ad aprire degli squarci di verità nel velo di bugie statali è solo grazie al tenace impegno dei familiari delle vittime e alla loro ricerca di giustizia. Ancora dopo quaranta anni a loro va tutta la nostra solidarietà e il nostro appoggio.

Speciali

fronteggiando



controilvirus

Appelli

appellosanatoria 

 Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Leggi e sottoscrivi l'appello qui


iocuro

Io curo - Insieme per la salute

Leggi l'appello

Vedi il video

Per sottoscrivere questo appello contattaci a: iocuro.insiemeperlasalute@gmail.com

visita il nostro nostro blog : https://iocuro.wordpress.com/


appello scuola

Appello contro il decreto della digitalizzazione

Fronteggiare l'emergenza anche a scuola, mettere al centro le relazioni

Leggi l'appello

Vedi il video

Se lo condividi puoi sottoscriverlo alla mail:     alcentrolerelazioni@gmail.com e farlo conoscere, scaricalo qui

 


appellobimbi

Giù le mani dai bambini!

Leggi l'appello