Imprimer

vertice a  Parigi sul clima

A Parigi è in corso la ventunesima Conferenza sul clima (Cop 21) sotto l'egida dell'Onu: a convegno i principali inquinatori del pianeta, tra cui Usa e Cina. Rappresentano il problema, improbabile trovino una soluzione. Tante le sacrosante manifestazioni in Francia e in tutto il mondo a rivendicare il diritto ad un pianeta pulito, alla tutela dell'ambiente e delle altre specie. I manifestanti parigini e francesi hanno sfidato il divieto di manifestare dell'esecutivo di Francois Hollande introdotto dopo la proclamazione dello stato d'urgenza in seguito ai gravi attacchi bellici del 13 novembre scorso. Pacifica la maggior parte dei manifestanti, violente alcune frange estremiste e anticapitaliste. Come di abitudine hanno inscenato scontri usando come corpi contundenti persino le candele deposte per commemorare le vittime del 13 novembre. Siamo contro la repressione statale ma al contempo denunciamo chi non dimostra nessun rispetto per le vittime, per i loro cari. Per di più dimostrano una totale incomprensione e insensibilità (condivise con la gran parte del cosiddetto movimento ecologista) della minaccia che rappresenta il califfato neonazista  e il suo intento di esportare la guerra fuori dall'Iraq e dalla Siria, dove sta subendo delle cocenti sconfitte da parte della resistenza curda, yazida, siriana. Questi gruppi politici sono fuori dal mondo anche quando si occupano di Natura: come si può cambiare il rapporto con la Natura senza difendere l'umanità?