Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria



Comitati Solidali e Antirazzisti

Stampa
PDF

"Z"

Coincidenza della storia vuole che nell’estate del 1938 un italiano, senza richiesta dell’alleato perché governava da solo, decidesse di fare un censimento degli ebrei. Contarli per schedarli. Estate 1938, il 13 luglio Mussolini fa scrivere la pagina più nera della storia italiana con il "Manifesto della razza"; il 22 agosto infine la conta, le leggi razziali che ne seguirono: un tragico prologo alla deportazione di migliaia di ebrei verso i campi di sterminio. E per non sbagliare, si fece con i Rom, con gli omosessuali e con ogni “diverso” così come si pensò di fare con gli ebrei.

Ottant’anni addietro fu così. 80 anni esatti per iniziare di nuovo, contare i Rom e i Sinti. Alcuni anziani sopravvissuti hanno la “Z” e il numero inciso sull’avambraccio, memoria di ciò che è stato: 500.000 assassinati, migliaia vittime di atroci sperimentazioni.

Il ministro dell’Interno non ha ritegno a mostrarsi il più famelico nel guadagnare consensi. Per succhiare consensi non c’è che da solleticare la pancia con la banalità del pregiudizio in una società sempre più di estranei, violenta, intollerante, capace di inimicizia e razzismo, di rabbia e di odio. Ma è sempre possibile, anche in questo fosco contesto, combattere la banalità del male del capopopolo di turno con l’incontro e la conoscenza, l’amicizia e la solidarietà, la comune umanità differente.

Stampa
PDF

Firenze, 10 marzo

solidarietà umana in cammino

Una galleria fotografica della manifestazione antirazzista di Firenze in risposta al brutale assassinio del nostro fratello Idy.

foto

Stampa
PDF

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato dall'Associazione antirazzista interetnica 3 Febbraio

 

Mai più un’altra Gorino.

Difendiamo la nostra umanità

Accoglienza e solidarietà

Dodici donne e otto bambini della Sierra Leone e Nigeria dovevano essere ospitati presso un ostello a Gorino frazione di Goro in provincia di Ferrara, ma la notte del 24 ottobre una parte della popolazione ha eretto barricate impedendo così l’accoglienza.
“Abbiamo già i nostri guai”, ”Qui non c’è niente”, “No all’invasione”, “Abbiamo paura” questi gli slogan riportati su striscioni e nelle interviste dagli abitanti.
E’ l’ennesimo atto razzista! Purtroppo un ulteriore salto negativo di inciviltà, cinismo, cattiveria ed abbrutimento che ci preoccupa e che da tempo denunciamo.
Sono troppi gli episodi di razzismo avvenuti negli ultimi anni: l’uccisione del giovane nigeriano a Fermo, gli assalti ad alcuni centri di accoglienza, il ferimento grave di Yusupha, giovane gambiano, a Palermo. A questo si aggiungono gli atti quotidiani d’intolleranza, gli sguardi ostili, le battute razziste sugli autobus, a scuola, nei posti di lavoro, lo sfruttamento nelle fabbriche e nelle campagne. Il fascioleghista Salvini non perde occasione per di dare sfogo alla sua disumanità e alimentare razzismo e odio definendo questi abitanti “eroi della resistenza”.
Noi siamo vicini ed esprimiamo la nostra solidarietà alle donne e ai bimbi, che invece di trovare finalmente pace e accoglienza sono stati scacciati. Ancora una volta, vittime innocenti, prima degli orrori delle guerre e dei massacratori di Boko Haram e oggi del razzismo di alcuni italiani. L’odio e la disumanità uniscono i razzisti e i terroristi.
Noi crediamo invece che essere accoglienti conviene, grazie alle possibilità dell’incontro possiamo conoscerci, capirci e migliorare insieme la nostra vita. Conviene perché fa crescere la nostra umanità e ci può educare ad essere persone migliori. L’accoglienza fa bene a chi ne è bisognoso e a chi la pratica.     
Si sono alzati cori d’indignazione dal mondo religioso a quello politico, per la gravità di questi episodi. Questo è sano come ancora più incoraggiante lo è la reazione di tanta gente di Napoli che proprio nelle stesse ore accoglieva centinaia di profughi giunti dal mare. E’ il momento di unire la gente di buona volontà, tutte le associazioni laiche e religiose, le persone schierate per l’accoglienza e la solidarietà umana per rispondere al razzismo e all’egoismo e promuovere incontro, conoscenza, cultura: difendiamo la nostra umanità!

26/10/2016

Stampa
PDF

accoglienza in cammino e guerra agli immigrati

La nostra accoglienza è in cammino: finora si sono riunite in varie parti d’Italia da Napoli a Como, a Palermo, a Genova oltre 300 persone in assemblee. Con La Comune e con l’A3f in questo percorso ci sono pastori valdesi e preti gesuiti, parrocchie e gente del volontariato, antirazzisti e gente solidale, associazioni di immigrati e tanti profughi che chiedono il permesso di soggiorno umanitario, un documento per poter circolare liberamente. Questo è il punto: la libertà e l’accoglienza di persone che fuggono dalla guerra. Questo cammino però è pieno di ostacoli. Le vicende di Casale San Nicola (quartiere di Roma) e Quinto (Tv) impressionano. Gente normale, che scaccia i profughi in nome di paure sconsiderate ed egoismi. A loro si uniscono criminali vigliacchi, gli esponenti di un nuovo fascismo italiota quali Casa Pound e la Lega. A queste destre fanno riferimento molti politici mafiosi arricchitisi sulla pelle dei profughi con Mafia Capitale. La cosiddetta rabbia della gente in questi casi non è affatto comprensibile né giusta. La loro è la legge della guerra, fatta di razzie e scempi, come dimostra il rogo che hanno fatto degli oggetti destinati ai profughi. Così si precipita nella barbarie. I proclami di guerra contro gli immigrati del governo Renzi (affondare i barconi, rimpatri, ecc.) stanno raccogliendo proseliti tra la gente normale la cui punta di lancia è nel neofascismo e nel leghismo. Il quadro però non è tutto negativo, come dicevamo all’inizio. A Carbonia la gente accoglie i profughi in nome della solidarietà. Lo fanno i disoccupati e i cassintegrati operai dell’Alcoa. A Genova, in un quartiere opera un comitato di accoglienza per i profughi. A Napoli le nostre inchieste stanno vincendo l’omertà sulle speculazioni sui profughi. Questa è la strada: riuniamo dappertutto la gente che vuole reagire, costruiamo gruppi solidali che vadano verso i profughi imprigionati nelle strutture di accoglienza e gli diano coraggio. Gruppi di prossimità e di inchiesta sulle loro condizioni. Facciamo luce su ciò che sta avvenendo e organizziamoci dovunque per costruire iniziative pubbliche di mobilitazione.

Stampa
PDF

la speranza di Meer e la verità degli Stati

Il Gigante, dopo essere stato dal suo amico, il mago di Cornovaglia, per sette anni, tornò al suo castello. Lì trovò molti bambini che giocavano nel suo giardino ed erano felici. Ma il Gigante, infuriato, li scacciò tutti, costruì un muro e pose un cartello con scritto: “Gli intrusi saranno puniti”. Meer non è una bimba della fiaba ma è palestinese e risiede con la propria famiglia in Germania. Ma anche lei, come nella fiaba di Oscar Wilde, affida ad un adulto che ha potere la speranza che i propri sogni e desideri vengano presi in considerazione ed esauditi.
Ciò che è accaduto a Rostock in Germania, è ben diverso dalla fiaba. Infatti i sogni e le speranze di una bambina sono stati infranti in nome della ragion di Stato e del cinismo delle leggi della democrazia razzista. Durante un incontro della cancelliera tedesca Angela Merkel con un gruppo di alunni, la piccola Meer racconta infatti di temere di essere rimandata in Libano, da dove proviene. Vive da quattro anni in Germania. Parla bene il tedesco e dice alla Merkel: “Signora cancelliera, perché volete espellere me e la mia famiglia, perché volete strapparmi il sogno di studiare con i miei compagni di classe? È così difficile vivere con la paura di venire mandati via, senza poter vivere una vita normale. Io vorrei studiare, vorrei vivere qui…”. Parla per sé ma anche per tanti che sono nelle sue medesime condizioni, cioè di rifugiata da guerre e devastazioni. “A volte la politica deve essere dura. In Libano ci sono migliaia di persone nei campi profughi, e pensate pure all’Africa – le risponde la Merkel imperturbabile – mica possiamo dire a tutti di venire in Germania, altrimenti non ce la faremmo… quel che posso promettere è che, in futuro, le procedure per valutare le richieste d’asilo saranno più celeri”. A questo punto la piccola Meer scoppia in lacrime. Si scontra con la cruda verità della politica, con la sincerità nemmeno compassionevole e ben che meno empatica della politica. Ciò che ottiene sono solo due occhi gelidi e una frase ed una goffa carezza che non la consolano e non promettono niente di buono, anzi. Così come tutti i rappresentanti dei governi democratici europei, la Merkel è anch’essa “sul piede di guerra” contro gli immigrati, per rendere la vita ancor più difficile a coloro che cercano salvezza in Europa. Possiamo immaginare la piccola Meer che fugge con la propria famiglia dalla guerra permanente che imperversa contro i palestinesi, dal terrore dell’Isis che devasta la Siria e l’Iraq e costringe milioni ad assieparsi nei campi di rifugiati in Libano. Fugge dal destino che la politica internazionale ha riservato ai palestinesi espulsi dalla propria terra. Meer è parte delle nostre vite, non solo perché palestinese ma perché è una giovane vita in cammino, parafrasando l’intenso e profondo dialogo di Dario Renzi e Gianluca Petruzzo “Le sfide delle nostre vite in cammino”. Non sappiamo come Meer è giunta in Germania con la sua famiglia ma ne immaginiamo le peripezie, le paure e, soprattutto, le speranze. Per questo siamo solidali con Meer, perché ci impegniamo per affermare una nuova solidarietà umana. Una solidarietà che inizia anche dalle lacrime che andrebbero comprese e affrontate umanamente ma che invece sono intese dai governi democratici e razzisti come una questione affaristica e di contabilità.
La verità della politica è cinica e inamovibile anche se incarnata da una donna e non si scuote di fronte alle lacrime colme di dignità umana di una piccola bambina palestinese.


Ultimo Numero

• n. 317


dal 18 giugno
al 2 luglio 2018


è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4