Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

Cda2020

        

                           

             
al 17 febbraio            
abbiamo raccolto          

202.874 euro    


Imprimer
PDF

Comunicato del coordinamento Dipende Da noi Donne

Basta offese maschiliste

Solidarietà con Laura Boldrini
e con tutte le donne colpite

Il 31 Gennaio scorso Beppe Grillo pubblica un post, sulla sua pagina facebook, a proposito della presidente della Camera, chiedendo: "Cosa succederebbe se ti trovassi la Boldrini in macchina?". La domanda, volutamente ambigua e che ben si presta a risposte offensive, scatena sul forum del Movimento 5 Stelle un profluvio di commenti che incitano alla violenza e allo stupro, spesso conditi in salsa razzista. Non è la prima volta che Grillo e altri esponenti del suddetto Movimento svelano i disvalori di cui sono portatori e fomentatori: primo fra tutti la misoginia. Già numerose altre donne, politiche e giornaliste erano state prese di mira e attaccate, senza pudore alcuno, con insulti sdegnosamente maschilisti.
Diversi partecipanti al Movimento 5 Stelle si sono dissociati dai commenti sulla Boldrini mentre alcuni hanno deciso, indignati, di abbandonare il Movimento.
Siamo solidali con Laura Boldrini per gli attacchi subiti e denunciamo il maschilismo di cui Grillo e accoliti si fanno promotori. Nella sostanza si riproducono le logiche anti-femminili su cui si basa da sempre e con enormi danni il berlusconismo, logiche che trovano rispondenza, in gradi e forme differenti, nella politica tutta dei Palazzi e delle piazze. È l’offesa a una donna in quanto tale, è l’intenzione di denigrarci e colpirci tutte in quanto genere femminile. Non è un attacco alle istituzioni democratiche, come è stato detto, è la politica democratica stessa che mostra ancora una volta la sua natura antifemminile.
Facciamo appello alla coscienza delle donne, a coloro che nel Movimento 5 Stelle hanno cercato una speranza di cambiamento, un’alternativa ai partiti tradizionali, per difendere ed affermare la nostra dignità. Pretendiamo rispetto per tutte le donne ma sappiamo che, per cominciare davvero a vivere meglio, c’è bisogno del nostro protagonismo diretto, senza deleghe, della costruzione di reti, reali non virtuali, di donne solidali unite fra loro.

4/02/2014

 

Ultimo Numero

 • n. 353


dal 10 al 24 febbraio 2020


 bannersideconvegno

 video
- il video -

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a
Casa al Dono: 850 iscritti, 
di differentei paesi e
provenienze, da una sponda
all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4