Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

Stampa
PDF

partecipiamo allo sciopero generale della scuola del 7 ottobre indetto dall'UniCobas

per respingere gli attacchi governativi e statali,
costruiamo solidarietà
per affermare i bisogni vitali della gente,
per una scuola libera ed aperta!

 

Il 7 ottobre l'UniCobas ha indetto uno sciopero nazionale della scuola contro gli attacchi governativi finalizzati a ridurre posti di lavoro e opportunità educative e di studio per bambini/e e giovani che vivono in Italia. Le persone che lavorano e studiano nella scuola pubblica sono da tempo oggetto di un'aggressione governativa anche attraverso una serie di campagne diffamatorie che di volta in volta hanno cercato di giustificare i numerosi tagli all'istruzione pubblica operati negli ultimi anni: dalle riduzioni dei fondi per le attività didattiche e degli organici del personale docente e ATA, fino alla progressiva erosione dei redditi di chi vi lavora. Intanto, la scuola, sta comunque vivendo cambiamenti importanti. Aumenta e cambia la popolazione studentesca, soprattutto grazie ai fratelli e alle sorelle immigrate che hanno scelto di vivere nel nostro Paese. A tutto questo il governo Berlusconi ha risposto con massicce riduzioni di personale e di fondi per l'istruzione, nonché con le quote massime di stranieri per classe. In questo modo si sta procedendo all'accorpamento e alla chiusura di scuole che non rispettano i numeri minimi di iscritti e alla chiusura delle classi prime in diverse scuole, come è successo a Milano con l'elementare di Via Paravia. Qui il Provveditorato regionale ha impedito l'avvio delle classi prime perché i bambini non italiani erano “troppi”. Le recenti vicende di Lampedusa dove alcuni italiani hanno preso a sassate i profughi dimostra ancora una volta che la questione del razzismo è un crocevia fondamentale per il futuro di tutti e quindi anche di chi vive e lavora nella scuola. Più cresce il razzismo ed arretra la solidarietà fra le persone più saremo deboli e complici delle brutture che ci riversano addosso governo, padronato ed istituzioni statali. Abbiamo bisogno di una scuola aperta ed accogliente per tutti e tutte coloro che vivono in Italia, che aiuti ad educare e ad insegnare quel che serve e ciò che desiderano coloro che la frequentano. Una scuola che quindi necessita di più insegnanti, più collaboratori scolastici/che, segretari/e e tecnici/che! Ma una scuola così non ce la concederà lo Stato, bisogna costruirla, unendosi insieme con la solidarietà tra tutta la popolazione studentesca. L’esperienza dei comitati solidali che anche in alcune scuole stanno nascendo, coinvolgendo chi vive studia e lavora nella scuola, ma anche italiani ed immigrati, è un esperienza che va conosciuta ed estesa.

Il 7 ottobre scioperiamo

per la stabilizzazione di tutti i precari
contro gli accorpamenti indiscriminati, la riduzione degli organici docenti e ATA nelle singole scuole
per l'aumento dei fondi di istituto
per edifici scolastici sicuri e attrezzati
per aumenti degli stipendi adeguati al carovita

... e continuiamo la lotta costruendo Comitati Solidali dappertutto!! ____________________________________________________________________

partecipiamo alla giornata nazionale per l'accoglienza indetta da StopRazzismo per sabato 8 ottobre in numerose città italiane

 

Ultimo Numero

 • n. 345


dal 7 al 21 ottobre 2019


 

bannersideconvegno

 

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a
Casa al Dono: 850 iscritti, 
di differentei paesi e
provenienze, da una sponda
all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4