Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)


sorellanza2019


Stampa
PDF

con i profughi tunisini, magrebini, egiziani

accoglienza e solidarietà

Una rivoluzione ha scosso tutto il mondo arabo, abbattendo i rais, portando avanti ideali di libertà e giustizia sociale, a partire dalla Tunisia e dall’Egitto.
Migliaia di persone stanno cercando di cambiare e migliorare i propri paesi. Fra loro vi sono anche alcuni che vogliono muoversi verso l’Italia, la Francia, altri paesi. Il nostro impegno ed il nostro auspicio è accoglierli con dignità ed amicizia. Da una parte all’altra di queste coste si può costruire un ponte di solidarietà e cooperazione. Chi è più fortunato ed ha più possibilità come lo è in generale la popolazione in Italia, può accogliere come fratelli e sorelle chi cerca di migliorare la propria vita, quella dei propri cari e del proprio paese.
Il ministro Maroni, La Lega Nord, ma con loro quasi tutte le forze politiche disegnano scenari

apocalittici, esodi biblici, criminali in libertà etc. Già le sole immagini e le interviste smentiscono queste assurdità. Non vi è nessun esodo biblico, come non ci fu nel 1989 dopo la caduta del muro di Berlino, ma vi sono sicuramente grandi cambiamenti del Mediterraneo e del mondo, che vanno affrontati partendo dalla forza della comune umanità. La Lega Nord mentre diceva “aiutiamoli a casa loro” per impedire, in maniera razzista, gli arrivi degli immigrati, sosteneva con tutto il governo italiano Ben Ali e Moubarak che hanno oppresso e rapinato i loro popoli. Bel modo di aiutarli a casa loro! D’altra parte il centrosinistra fa la corte alle forze più retrive, dalla Lega Nord a Fini, per meri giochi politici, arrivando a dire che la Lega non è razzista.
Oggi ancora una volta cercano di fomentare paure, divisioni e razzismi. L’unica reazione che governo e politici hanno verso i profughi è il rifiuto e la xenofobia, il modo con cui si relazionano alle rivoluzioni ed alle lotte dei popoli per la libertà è quello di gettare fango su di loro e dividerci.

 

Denunciamo i tentativi costanti di questi imbroglioni razzisti che hanno già le responsabilità di sanatorie truffa, di decreti e leggi discriminatorie, di sostegno ai rais corrotti, e non perdono occasione per preparare un nuovo giro di vite repressivo, minacciando persino in maniera arrogante ed in stile imperialista di mandare i carabinieri italiani sulle coste tunisine, ed offrendo nuovi soldi a Gheddafi per reprimere gli immigrati o allenando la polizia tunisina a dar loro la caccia. Ecco le democrazie occidentali!
Oggi è possibile sviluppare solidarietà ed accoglienza, fare appello ad associazioni comunità e persone di buona volontà per costruire un ponte ideale di incontro dalla Sicilia fino al Nord con i fratelli e le sorelle tunisine, magrebine ed egiziane, nell’ottica della libera circolazione e dell’accoglienza verso tutti gli esseri umani che ci contraddistingue. Sosteniamo la A3f, i comitati solidali antirazzisti, le associazioni che hanno dato vita in queste settimane alle manifestazioni di solidarietà fra cui quelle del 12 febbraio scorso, nell’assumere questo impegno.

 

 

Ultimo Numero

 • n. 342


dal 29 luglio
al 9 settembre 2019


bannersidesorellanza

-programma-

bannersideconvegno

 

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a

Casa al Dono: 850 iscritti, 

di differentei paesi e

provenienze, da una sponda

all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4