Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

bannercorsibig 


Print
PDF

Roma

Solidarietà con la libreria La pecora elettrica

La Libreria “ La pecora elettrica” di Roma, nel quartiere Centocelle in Via delle Palme, dopo essere stato incendiato vigliaccamente la notte del 24/25 Aprile, di nuovo il 6 novembre è stata dato alle fiamme.
In questi 6 mesi grazie alle sottoscrizioni di tante persone solidali e alle iniziative di locali e associazioni del territorio la libreria avrebbe dovuto riaprire il 7 Novembre dopo quel rogo nella notte tra il 24/25 Aprile scorsi mentre ci apprestavamo a partecipare alla nutrita manifestazione antifascista e antirazzista nel municipio contro il fascismo, il governo, il Ministro Salvini che col suo odio ha permesso alle vecchie e le nuove destre di rialzare la testa.
La pecora elettrica è conosciuta per il suo schieramento antirazzista, solidale, antifascista, di sinistra. Per questo scomoda: con i libri ha cercato di coltivare una speranza, provando essere un punto umano aggregativo e qualificato all’interno di un quartiere periferico e disgregato.Non è chiaro se dietro gli attentati c'è la mano della criminalità o della estrema destra, ma come è evidente con "mafia capitale" è sempre più difficile distinguerle nella loro forte commistione.
Noi della Comune assieme alla gente, centri sociali, associazioni della zona immediatamente abbiamo partecipato alla in manifestazione, dove eravamo in centinaia e centinaia la sera del 6 novembre in solidarietà con la Pecora Elettrica senza aspettare risposte dal Campidoglio, istituzioni, politici e governi fintamente amici.Per vincere e non subire la paura ma reagire insieme e in prima persona alle aggressioni di diversa natura sia fascista che della malavita; con tanta gente stanca di vivere nell’insicurezza, nel degrado e nella disgregazione umana e culturale, accendendo luci di speranza.
Purtroppo però all'alba del 9 Novembre è stato dato fuoco anche al locale Baraka Bistrot dopo che aveva espresso solidarietà con La pecora elettrica: è il terzo rogo in pochi giorni. Un motivo in più per non abbassare la guardia

 

 

bannersideconvegno

 

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a
Casa al Dono: 850 iscritti, 
di differentei paesi e
provenienze, da una sponda
all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4