Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

bannercorsibig 


Stampa
PDF

cresce l’esigenza di unirsi

contro i nuovi pericoli delle destre 

La crisi del governo Conte porta con sé nuove minacce e pericoli perché è stata aperta dall’iniziativa del fascioleghista Salvini che ha fretta di raccogliere ciò che ha seminato con una battente campagna di razzismo, odio e cattiveria umana. Grazie all’alleanza e alla complicità del Movimento 5Stelle è riuscito a condurre una politica liberticida reazionaria di attacco alle libertà di tutte/i e alla solidarietà che mette sotto accusa le Ong che salvano le vite in mare. 
Mentre si consuma la farsa e la pagliacciata parlamentare dove si esprime senza limiti caos e impazzimento della politica, due navi della solidarietà con a bordo centinaia di immigrati, grazie anche alla nuova legge liberticida, vengono lasciate alla deriva e viene loro impedito di raggiungere un porto. Due mondi contrapposti: la logica disumana e mortifera della politica e l’umanità che si batte per la vita.  
Di fronte a questo dramma l’unica voce di rilievo viene dalla Chiesa di Francesco che non smette di denunciare la politica dei porti chiusi e dei respingimenti e le minacce alla convivenza rappresentate dalle forze reazionarie e nazionaliste.
Minacce e pericoli che vengono bellamente ignorate da ciò che resta della sinistra parlamentare. Mentre Salvini compatta la banda dei corrotti del centrodestra per spianare la strada ad un governo ancora più reazionario, la sinistra parlamentare si muove nel peggiore dei modi possibili. Non pronuncia una minima proposta di unire le forze mentre la massima concentrazione è sui tatticismi e sulle manovre parlamentari. Dominano intrighi e beghe interne che lasciano intravedere un’ennesima rottura del Pd. 
Un quadro deprimente e irresponsabile soprattutto perché alimenta lo sconcerto e la sfiducia e spinge alla rassegnazione tante persone di sinistra, solidali e di buona volontà che vorrebbero invece reagire per fermare la prepotenza e la minaccia rappresentata da Salvini. 
L’esempio delle proteste pacifiche riservate a Salvini Catania e Siracusa anche in questi giorni afosi di agosto va in questo senso.
L’unica possibilità di contrastare e fermare la minaccia razzista e fascioleghista risiede nell’iniziativa diffusa e nella mobilitazione unitaria. Nella possibilità che forze e associazioni antirazziste, comunità di credenti e realtà solidali, si possano finalmente incontrare e unire per affermare i valori della solidarietà, dell’accoglienza e della convivenza umana contro la logica disumana dell’odio e della cattiveria e la minaccia reazionaria di Salvini.
In questo senso acquista ancora più importanza l’iniziativa e la costruzione del Forum indivisibili & solidali. Acquista ancora più valore l’assemblea del 14 settembre a Roma dove decidere assieme una piattaforma per convocare una grande manifestazione nazionale unitaria contro il razzismo e le leggi liberticide.

 

bannersideconvegno

 

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a
Casa al Dono: 850 iscritti, 
di differentei paesi e
provenienze, da una sponda
all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4