Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

bannertop


Stampa
PDF

Libertà immediata per Carola Rackete! 

Giù le mani dalla Sea Watch!

L’azione di Salvini e del governo Lega/5 Stelle contro la Sea Watch rappresenta un salto di qualità sul piano repressivo e militare. L’accanimento e il cinismo messi in atto esprimono il livello raggiunto dal razzismo politico e statale sotto il segno fascistoide del decreto sicurezza bis voluto da Salvini.
La posta in gioco è difendere concretamente la vita contro la logica di morte che viene codificata anche per decreto.
Salvare dei naufraghi in mare è diventato un reato. Salvare vite umane diventa un crimine.
Perciò è importante reagire e mobilitarsi. E’ importante farlo cercando la più ampia unità possibile come sta già avvenendo in tante località grandi e piccole con presidi e manifestazioni. In questo senso sono particolarmente importanti le iniziative a Catania e soprattutto la manifestazione unitaria di martedì 2 luglio indetta a Palermo.  
La Comune si sta impegnando a costruire le iniziative di mobilitazione per far crescere la reazione, il protagonismo e la coscienza della posta in gioco.
Condividiamo questo impegno con il Forum indivisibili & solidali  partecipando e sostenendo tutte le iniziative di solidarietà con l’equipaggio della Sea Watch. 
Nello stesso tempo l’assemblea del Forum indivisibili & solidali del 30 giugno ha deciso di verificare con altre realtà le possibilità di costruire assieme una manifestazione nazionale in autunno, ancora più ampia di quella dello scorso 10 novembre, contro il governo razzista e liberticida che attacca le libertà di tutte/i, dandosi un appuntamento per il 14 settembre a Roma.