Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

Stampa
PDF

per migliorare il pianeta, cambiamo le nostre vite

Migliaia di giovani in questi mesi si stanno dando appuntamento nelle piazze di tutto il mondo per richiamare l'attenzione sui disastri ambientali e sulle conseguenze per il futuro della vita del pianeta e quindi degli esseri umani. Ci sentiamo vicini al protagonismo che in tanti stanno esprimendo, denunciando l’indifferenza che Stati e governi mostrano verso le generazioni future, in tempi in cui il valore della vita viene calpestato. La posta in gioco è alta: riguarda la vita del pianeta, cioè della nostra umanità, di tutte le specie animali e vegetali, dell'acqua, dei mari, dell'aria che respiriamo. L'indifferenza, la prepotenza, la smania di rapina, l'avidità spingono governi e Stati a depredare ed inquinare vaste aree del mondo e a prosciugarne le risorse senza alcuna lungimiranza, in nome di un presunto progresso.

Per questo motivo non nutriamo nessuna fiducia nei loro confronti. Nutriamo invece speranza nella possibilità di riscoprire l’amore per la vita nelle sue diverse manifestazioni, affermando attenzione e rispetto verso le persone e la natura. Impegniamoci quindi ogni giorno ad essere migliori assieme, interessandoci ai destini della nostra umanità inscindibilmente legati a quelli del pianeta, senza illuderci nella possibilità che a trovare soluzioni sia proprio chi causa immani tragedie.

Gli Stati sono responsabili del terricidio che sta già costringendo milioni di nostri simili a lasciare le loro case e a spostarsi nel mondo in cerca di una vita migliore. E sono poi gli stessi Stati a chiudere le frontiere e a rinchiudere in lager chi scappa da tanti drammi e sconvolgimenti, anche ambientali. Ovviamente il governo italiano fascio-leghista e pentastellato non fa alcuna eccezione, anzi: è ferocemente razzista, oltre ad essere sostenitore e fautore delle cosiddette “grandi opere”, nonostante la pantomima sul sì/no TAV.

Impegnarsi per l'accoglienza senza condizioni di chi arriva anche in questo paese, per la solidarietà contro il razzismo, è parte della possibilità di migliorare la vita fin da subito, cambiando il nostro sguardo sul mondo e imparando a pensare la salute di tutto il pianeta perché pensiamo la salute e la vita di tutte le persone. Difendere il pianeta significa cambiare il nostro modo di vivere.
Noi stiamo costruendo comitati Human Way di giovani solidali contro tutte le discriminazioni…per essere protagonisti del nostro futuro, e del nostro presente.
Conosciamoci!

Giovani de La Comune

 

sacrica qui il volantino impaginato

 

bannersideconvegno

 

- il pamphlet -

 Mai così tante persone a
Casa al Dono: 850 iscritti, 
di differentei paesi e
provenienze, da una sponda
all'altra dell'oceano...



è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4