Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

bannertop


Stampa
PDF

Solidarietà piena e incondizionata al Centro Sociale ex Canapificio di Caserta

Esprimiamo la nostra vicinanza umana e il nostro pieno sostegno alle compagne e ai compagni, alle sorelle e ai fratelli immigrati e a tutte le persone impegnate con l'ex Canapificio di Caserta che ha subìto una pesante azione repressiva.

Lo sgombero e il sequestro della sede del Centro Sociale avvenuti martedì 12 marzo che seguono i vergognosi attacchi di Salvini, sono un attacco gravissimo alla solidarietà.

Utilizzando motivazioni pretestuose e provocatorie si colpisce un luogo che svolge da decenni una costante e preziosa iniziativa solidale e antirazzista.

È un'espressione dell'azione poliziesca e razzista della legge Salvini e del governo fascioleghista e pentastellato, che si accanisce contro tutti coloro che sono impegnati nella solidarietà, nel volontariato e nell'accoglienza.

Un governo razzista e liberticida che colpisce con gli sgomberi gli immigrati e la comunità Rom, che attacca le Ong e lascia morire i profughi in mare.

Rivolgiamo un caloroso appello a tutti gli antirazzisti e alle realtà solidali per mobilitarci al fianco del Centro Sociale a partire dalla manifestazione nazionale convocata il 16 marzo a Caserta.

Difendiamo la solidarietà

Giù le mani dallex Canapificio

Ritiro immediato dell'ordinanza di sequestro

La Comune