Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

difendiamo la vita dei nostri fratelli contro il razzismo assassino

Mentre il ministro degli interni Salvini ha dichiarato che per gli immigrati “è finita la pacchia” il razzismo mostra, ancora una volta, il suo volto criminale e assassino.
A Vibo Valentia, in località San Calogero, è stato assassinato Soumayla Sacko e altri due immigrati sono stati feriti. Un uomo ha sparato mirando contro gli immigrati. È un omicidio razzista: è stato colpito un attivista del sindacato Usb, in prima fila nelle lotte dei braccianti che vengono supersfruttati nella zona. Esprimiamo la nostra solidarietà ad Usb e ai fratelli immigrati. In risposta a questo crimine oggi c’è stato uno sciopero compatto dei braccianti ed un corteo per le vie di Vibo Valentia.
Intanto al largo della Tunisia è affondata una imbarcazione provocando la morte di oltre 48 immigrati. Ai loro familiari agli amici va la nostra più sentita solidarietà. Questo è il frutto criminale della disumanità degli Stati, della chiusura delle frontiere, dei respingimenti.  Già i governi precedenti sono responsabili di questa tragedia ed il Governo Salvini – Di Maio annuncia provvedimenti che comportano un ulteriore gravissimo peggioramento: è colpita e minacciata la vita dei nostri fratelli, è in gioco la nostra umanità!
Il contesto, tanto più con un fascioleghista al ministero degli interni, rende più forti i razzisti che si sentono impunemente autorizzati a sparare per uccidere i nostri fratelli. È necessario reagire, perciò rivolgiamo un caloroso appello a tutte le persone solidali, agli antirazzisti ad unirsi e a prendere l’iniziativa per affermare e difendere la vita dei nostri fratelli e sorelle immigrate.

testata160px

è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4