Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

escalation in Medio Oriente

per un nuovo pacifismo

In Medio Oriente, come avevamo previsto, stiamo assistendo a un’ulteriore escalation bellica. Dopo le dichiarazioni belliciste del fascistoide Trump nei confronti dell’Iran, c’è stato uno sviluppo del confronto militare. L’Iran ha lanciato dei missili sulle Alture del Golan,  Israele ha reagito con un bombardamento aereo sulle postazioni iraniane in Siria.

È in corso un confronto sanguinoso tra i diversi nemici dell’umanità per la spartizione della Siria e del Medio Oriente. Le popolazioni della zona – in primo luogo quella siriana, già duramente provata dalla criminale guerra scatenata da Assad per fermare la rivoluzione della gente comune – sono costrette a subire questa escalation criminale.

Siamo al fianco della popolazione siriana, del popolo palestinese e di quelli mediorientali per difendere e affermare la vita contro tutti gli intenti bellicisti delle diverse potenze. Non c’è da confidare in nessun Stato perché tutti sono criminali. Per questo c’è bisogno di un nuovo pacifismo fondato sul protagonismo e che faccia leva sulle più profonde tensioni umane all’affermazione della vita e al suo miglioramento. Dopo il Primo maggio continueremo a sviluppare l’iniziativa per una pace subito e senza condizioni in Medio Oriente, per accogliere tutti i profughi e per sviluppare la solidarietà con le popolazioni.