Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

la solidarietà sotto attacco

con Save the childern contro i nemici dell'umanità

All'alba del 24 gennaio un gruppo di terroristi ha fatto irruzione nella sede dell'Ong Save the children a Jalalabad in Afghanistan. Prima un'autobomba ha colpito il cancello della sede, poi alcuni uomini armati hanno cominciato a sparare sulle persone che in quel momento si trovavano nella struttura, situata nelle vicinanze di uffici governativi o internazionali. Al momento il bilancio è di 9 vittime (delle quali 3 sono membri dello staff dell'associazione) e 25 feriti. L'attentato è stato rivendicato dallo Stato islamico.
Di nuovo si colpiscono persone inermi e indifese. Di più, ancora una volta è la solidarietà sotto attacco, di nuovo i nemici dell'umanità colpiscono chi opera per la vita. Esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà a Save the children, alle persone care delle vittime e tutti coloro che sono stati colpiti da questo infame e vigliacco atto di morte
L'attacco terroristico dei criminali nazijihadisti al soldo del Califfo con la svastica in questo caso appare ancor più efferato perché colpisce un'Organizzazione internazionale che opera nel campo della solidarietà con i bimbi e le bimbe. Una ong che cerca di lenire le sofferenze di bambini e bambine che vivono in zone di guerra o che sono vittime di carestie e pandemie. Colpire Save the children è indirettamente come colpire tutti e tutte loro, la loro speranza e il loro futuro. Per questo è importante sconfiggere e fermare questi criminali: per difendere e affermare la vita.

.