Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

Como
No all'ordinanza del sindaco di como contro i senzatetto

difendiamo la comune umanità
fermiamo la cattiveria al potere

Con Centinaia di volontari/e, attivisti/e attiviste singoli/e o aderenti di tante associazioni solidali, ad alcune parrocchie siamo stati protagoniste/i di un importante moto di solidarietà a fianco delle migliaia di profughi/e che sono stati ospiti di questa città tra l'estate e l'inverno del 2016. Ancora adesso in tanti continuiamo a prodigarci in aiuto di quanti non hanno niente, italiani/e  e immigrati/e. Si tratta della parte migliore della società che ha espresso ed esprime gli aspetti migliori dell'umanità di tutti e tutte.
 La recente ordinanza della Giunta Municipale di Como che vieta il soccorso ai senzatetto e la loro presenza nelle vie del centro storico è un attacco gratuito e vergognoso a chi non ha nulla e offende la dignità e il senso di solidarietà e di giustizia di ogni persona. Secondo gli amministratori della città, essere poveri è un crimine da punire con multe e sequestro di beni (cartoni, coperte, ecc.); è stato anche vietato offrire beni di conforto a chi dorme fuori e al freddo. Secondo lor signori la presenza dei clochard disturba e turba lo shopping natalizio. Prima di tutto gli affari!
 La nostra umanità e la nostra dignità viene ogni giorno ferita ed offesa da razzismo, discriminazioni, violenze di ogni tipo, ma anche dalla prepotenza e dalla cattiveria che sgorgano dal bassoventre della società, incarnate dalle destre e riecheggiate dal potere politico che ne fa azioni di governo.
A partire dal grande moto di solidarietà espresso negli ultimi anni, le persone di buona volontà, le associazioni solidali e quanti sono schierati con i più deboli, unendosi, possono contrastare la cattiveria montante nella società e nelle istituzioni. Insieme possiamo proporre e suscitare idee e pratiche di pacificazione e di bene, per la difesa ed il miglioramento della vita di tutti e tutte.
 Come La Comune sosteniamo tutte le iniziative di solidarietà a fianco dei più deboli con la consapevolezza che questo contribuisce a migliorare la vita di tutti e rafforza la nostra convinzione e il nostro impegno per una controffensiva culturale di affermazione della  vivibilità in contrapposizione alla cattiveria e all’uccidibilità portati avanti in questi anni soprattutto da media, stampa e politici di destra.

è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4