Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

“siamo tutti testimoni!”

Con queste parole uno dei tanti passeggeri ha cercato di fermare i controllori razzisti che si stavano accanendo contro un fratello pakistano. E’ successo in questi giorni a Cagliari sull’autobus n.5, su cui era salito un pakistano, forse dalla porta sbagliata e mentre si dirigeva per obliterare il suo biglietto, i controllori lo hanno invitato subito a scendere insistendo sul fatto che non lo avesse. Ma tutte e tutti i passeggeri, donne in particolare, protestano contro di loro, qualcuno urla: “razzisti”! Altri indicano le telecamere per fermarli ed infine una donna urla: “Siamo tutti testimoni!”. Si sarà sentito bene, accolto quel fratello pakistano? E le persone che si sono schierate con lui avranno sentito il suo e loro bene palpitare dentro di loro? Penso proprio di sì e voglio immaginarmi un fantastico e benefico passa parola contagioso! Una reazione solidale contro un prepotente atto razzista. Non certo l’unica, ma ci auguriamo che crescano tali sentimenti di vicinanza e solidarietà verso i tanti e tante che giungono nelle nostre diverse realtà da diversi paesi del mondo. Una bella notizia nel buio di questi tempi mentre c’è chi invece promuove spedizioni di navi militari contro queste persone alla ricerca di una vita migliore o attacca i volontari delle Ong ( MSf in primis) impegnati a salvare tante vite umane nei nostri mari. Si siamo tutti testimoni! Di questo ed altro intorno a noi! E possiamo scegliere se di questo farne un motivo di schieramento con gli ultimi per vivere meglio assieme tutte e tutti su un autobus, in città, al mare……ovunque!

è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4