Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

nuovo massacro a Idlib in Siria

un popolo sotto attacco

Sono ormai più di settanta – ma il tragico bilancio è destinato a salire – le vittime dell’attacco con armi chimiche portato ieri a Idlib, in Siria, dall’aviazione del boia Bashar al Assad. Si tratta per lo più di bambini e donne, uccisi con bombe al Sarin o dai successivi bombardamenti sugli ospedali. È l’ennesima dimostrazione dell’intento genocida del macellaio di Damasco contro il suo popolo. Un massacro iniziato oramai sei anni fa, contro la straordinaria esperienza della rivoluzione siriana, e che si è ulteriormente complicato con la macabra discesa in campo delle formazioni nazijihadiste, Isis e Al Qaeda in primis.
La martoriata gente di Siria –  4 milioni di persone profughe all’estero, 7 milioni sfollate nel paese – stretta nella morsa terribile di diversi terrorismi assassini, continua a soffrire ogni giorno drammi inenarrabili, con la complicità delle potenze coinvolte nella guerra. La Russia che esplicitamente difende il massacratore e gli si affianca nelle azioni militari, gli Usa che si tacciono e nei fatti si accodano a Putin, la Turchia che conduce la sua personale guerra contro la minoranza curda. Mentre l’Isis continua a soggiogare e schiacciare milioni di persone.
Per questo, oggi più che mai, è urgente ribadire l’importanza dell’accoglienza per chi arriva nel nostro paese e in Europa, fuggendo da questa guerra. Un’umanità in cammino in cerca di futuro chiede di essere accolta: è un nostro impegno concreto acccoglierla.

è uscito
umanesimo
socialista
n.3

us2

- indice -


 

manifesto

per un'educazione
umanista radicale


scarica i volantini


si unabuonascuola

 

 letterascuola4mag15

per la difesa della
comune umanità


10mag15 2