Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria

                           

                           

                                         all'11 marzo
                                       abbiamo raccolto

                               389.128 euro

 


Stampa
PDF

Con la gente di Aleppo

Contro Assad e i nazijihadisti

La gente in Siria continua a soffrire una situazione drammatica, ormai da anni, da quando prima il dittatore macellaio Assad, poi anche i nazijihadisti di tutte le risme, con in testa l’Isis e Al-Nusra, si scatenarono contro la gente comune protagonista di una rivoluzione umana, pacifica ed estranea alla politica e alla guerra, per la libertà, la giustizia, la pacificazione tra le genti. Hanno soffocato quella rivoluzione, dopo solo un anno di vita, nella spirale della violenza bellica e da allora - con la complicità o l’intervento diretto di diversi stati e potenze regionali e internazionali - la gente siriana vive in condizioni terribili, al punto che metà della popolazione è profuga in patria o all’estero, più di 250mila sono i morti nella guerra civile. L’assedio di Aleppo è il simbolo di questa tragedia. Quasi due milioni di persone in questa antichissima città sono nei fatti ostaggi nello scontro tra due fronti militari che si combattono, uccidendo e martoriando in primo luogo i civili. Centinaia di migliaia di persone patiscono la mancanza di acqua, elettricità, cibo e medicine; i nove ospedali della città sono stati tutti rasi al suolo dall’aviazione russa e da quella di Assad, che ha continuato ad usare armi chimiche, secondo la denuncia di Amnesty International. La gente comune fa così le spese delle mire di potere di forze locali, regionali e internazionali che intendono spartirsi le spoglie della Siria, anche al prezzo di annientare gran parte della popolazione. I due fronti che si combattono ad Aleppo sono mostri gemelli, nemici ieri della rivoluzione e da sempre della gente comune: da una parte il macellaio Assad, sostenuto da milizie sciite filoiraniane dell’Iraq e da Hezbollah libanese e, soprattutto, dall’aviazione russa; dall’altra un fronte composito in cui sono ormai purtroppo prevalenti forze nazijihadiste tra cui spicca Al- Nusra (fino a ieri filiale siriana di Al Qaeda). Con i primi sono schierati, in una alleanza sciagurata e criminale, le principali forze curdo-siriane, mentre diverse forze nazijihadiste si avvalgono di finanziamenti di Arabia Saudita e Qatar. Intanto l’ONU, come ha fatto sempre di fronte alle principali tragedie degli ultimi 30 anni, sta a guardare, tra impotenza e complicità.
Denunciamo ancora una volta i mostri gemelli e gli stati coinvolti, responsabili dell’assedio e del martirio di Aleppo. Sosteniamo le forze organizzate che resistono contro Assad rimanendo indipendenti dalla galassia nazijihadista. Stiamo dalla parte delle gente comune di Aleppo e della Siria che soffre e cerca scampo, con chi difende la vita propria e altrui, con i tanti eroi ed eroine anonime, i tanti volontari, medici e gente solidale che, pur in mezzo alla guerra, aiutano. Chiamiamo all’accoglienza nel nostro paese come forma di solidarietà con chi ne ha più bisogno, di schieramento con la vita contro l’uccidibilità.

Ultimo Numero

 • n. 332


dal 4 al 18 marzo 2019


è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4