Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria

                           

                           

                                         all'11 marzo
                                       abbiamo raccolto

                               389.128 euro

 


Stampa
PDF

elezioni in Francia

il peggio in crescita

Il risultato al primo turno delle elezioni regionali vede quale primo partito, per la prima volta, la destra razzista e xenofoba del Front National che è in testa in 6 regioni su 13; soltanto secondo il centrodestra dell’ex presidente Sarkozy, addirittura terzi i socialisti.
È un risultato pessimo ma non un fulmine a ciel sereno. Infatti, anche se alcuni quotidiani francesi hanno accolto i risultati titolando “Choc”, il Front National è da anni in costante crescita, nelle urne come nella società. Il suo successo non stupisce: ha raccolto ulteriori consensi lucrando cinicamente sugli attacchi bellici di Parigi del mese scorso e il peggio – anche sul piano elettorale – non può che nutrirsi di un contesto internazionale segnato dall’affermazione del califfato neonazista e dalla generale crescita dell’uccidibilità.
 Il FN fa breccia in settori borghesi e popolari razzisti, nazionalisti e islamofobi, sollecitandone l’egoismo e la paura. La sua affermazione è enormemente facilitata dal fallimento storico delle sinistre e dalla rincorsa a destra di tutte le forze politiche, deriva che da questo esito riceve nuovo vigore. Anche sul piano elettorale trova espressione una crisi ben più generale, culturale e coscienziale, sofferta in modo particolarmente acuto nella gioventù.
In questo quadro, è da rimarcare il voto in controtendenza espresso dagli elettori di Parigi: nella capitale il FN si ferma al 9,65% e nell’XI arrondissement, teatro degli attacchi stragisti dello scorso 13 novembre, è al 7,5%.

Ultimo Numero

 • n. 332


dal 4 al 18 marzo 2019


è uscito
umanesimo
socialista
n.5

us4