Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

Genova allagata, almeno sette le vittime

INIZIATIVA SOLIDALE PER SALVARE LA VITA

Nel capoluogo ligure è in corso una alluvione con conseguenze umane gravissime: il bilancio provvisorio parla di sette vittime accertate, tra cui tre bambini, e almeno quattro dispersi. I torrenti Bisagno e Fereggiano sono esondati, in alcune strade l’acqua è arrivata al secondo piano delle abitazioni. Tra le vittime una donna di origine albanese e due bambini, probabilmente i figli, travolti da auto e moto portate dalla corrente. Siamo solidali e vicini alle persone colpite e ai loro cari.
È un disastro – a pochi giorni da quello che ha messo in ginocchio la popolazione di diversi paesi della Riviera di Levante – annunciato, prevedibile e previsto. Esso rimanda alle responsabilità puntuali dell’amministrazione locale – che ha chiuso i musei e lasciate aperte le scuole, che ha abbandonato il greto dei torrenti alla crescita della vegetazione – e a quelle storiche del sacco del territorio da parte delle istituzioni statali.
Di fronte all’emergenza, dall’alto si alternano criminali rassicurazioni e allarmismi che lasciano attoniti e rendono difficile reagire. La migliore risorsa è l’iniziativa diretta delle persone che permette di salvare vite e alleviare sofferenze, come è già avvenuto in tanti altri casi. È ad essa che facciamo appello, chiamando ad attivarsi e a reagire, ad unirsi per costruire e sviluppare la solidarietà diretta tra e con le persone colpite.

Stampa
PDF

 

in Liguria, in Toscana e in tutta Italia

lo Stato di Fango uccide

Sono davvero terrificanti le immagini che i notiziari TV e i portali internet stanno trasmettendo sulle ondate di fango abbattutesi tra il 25 e il 26 ottobre in Liguria e Toscana. Le Cinque Terre e la Lunigiana si sono trasformate in un inferno d'acqua e terra che ha travolto abitazioni e persone con un bilancio drammatico di nove morti. Il maltempo ha spazzato via strade e ponti e provocato frane e allagamenti in un'area vastissima a cavallo tra Liguria e Toscana.

Leggi tutto...

Stampa
PDF

 

alluvione nello spezzino

disastri e tragedie sull'altare del profitto

Purtroppo lo spezzino e la parte settentrionale della Toscana è stata ripetutamente colpita in questi ultimi anni da fenomeni alluvionali e franosi. Il bilancio dell'ondata di maltempo abbattutasi sulla zona quarantott'ore fa è drammatico: è salito a nove morti il bilancio ancora provvisorio: alle 6 vittime di  Borghetto Vara e alle 2 ad Aulla, si aggiunge una settima persona trovata questa mattina senza vita a Monterosso, nelle Cinque Terre.
Ci uniamo al cordoglio dei parenti e amici delle vittime, siamo anche vicini a chi si sta adoperando per riportare la zona ad una vivibilità quotidiana che ora appare lontana.
È sempre più evidente che l'opera di sfruttamento dell'ambiente e la scarsa conoscenza della natura prima perpetuata dall'uomo, mettono a rischio o uccidono sempre più persone.
Le immagini terribili che i media ci propongono con frequenza crescente, testimoniano la profonda imperizia non disgiunta da una totale inadeguatezza, al limite del nichilismo, di una classe dirigente che pretende di gestire, in questo caso la "società Italia", permettendo annualmente un'impermealizzazione di una superficie di territorio pari a tre volte la superficie occupata da Milano. Tant'è vero che sono già in corso esposti verso lo Stato per disastro colposo. L' "homo economicus" continua imperterrito nell'attività che porta alla devastazione del territorio, in totale spregio dell'ambiente e degli ecosistemi che in esso si sviluppano.
La gente comune che si organizza per prestare soccorso o per iniziare a ripristinare la vivibilità di un luogo colpito da un disastro simile, deve prender maggiormente consapevolezza della grandissima opera di cui è protagonista e rilanciarla ancora più in avanti ed in prospettiva. Ciò comporta attività di conoscenza, monitoraggio, salvaguardia e manutenzione del territorio, nel massimo rispetto della natura prima. Un'opera che può esser messa al centro nella costruzione di comitati che si autorganizzino localmente per non demandare alla gestione statale la salvaguardia della vita che non è assolutamente in grado di assolvere mentre sempre più spesso la minaccia.

Stampa
PDF

Siamo impegnati nella solidarietà e nell’accoglienza di fratelli e sorelle giunti negli ultimi mesi alla ricerca di un miglioramento dell’esistenza ed in fuga dalla guerra in Libia. Per coloro che sono riusciti a giungere in questo paese nonostante i pericoli del viaggio, lo Stato italiano ha riservato un presente miserevole e un futuro incerto. Riaffermando la propria dignità di esseri umani, in diverse località molti di loro hanno cominciato a lottare per conquistare diritti elementari.

Riceviamo dalla Associazione 3 Febbraio, impegnata a sostenere queste lotte, il seguente comunicato che volentieri pubblichiamo.

la redazione

 

COMUNICATO STAMPA

Giovedì 20 ottobre gli immigrati di nazionalità africane differenti provenienti dalla Libia in attesa dello status di rifugiato, ospiti nei centri di accoglienza di Settimo Torinese (alcune centinaia di persone) hanno improvvisato una manifestazione di protesta all’esterno del centro gestito dalla Croce Rossa Italiana denominato “T. Fenoglio”.
L’ultima di una serie di pacifiche e colorate manifestazioni aperta dallo striscione “we need money and bus ticket and peace in here”. Richiedendo una minima diaria, i biglietti dell’autobus per non incorrere nelle multe quando si spostano con i mezzi pubblici ed un po’ di serenità nel centro.
La diaria minima è un diritto degli ospiti del centro, che da quello che ci raccontano i rifugiati, gli operatori della Croce Rossa che gestiscono il centro, distribuiscono a loro discrezione!
A seguito di questa protesta pacifica quattro degli immigrati protagonisti sono stati arrestati, trattenuti in carcere per tre giorni e denunciati di resistenza ed aggressione a pubblico ufficiale, ma in realtà per quello che ci risulta, non c’è stato nessun episodio violento a cose e persone da parte degli immigrati.
Il fatto è stato pretesto per notificare una revoca delle misure di accoglienza da parte del prefetto e quindi espellerli dal centro di accoglienza, lasciandoli in mezzo alla strada la notte del 22 ottobre, una volta usciti dal carcere.
Denunciamo con forza sia la logica repressiva delle forze dell’ordine e delle istituzioni, a fronte di persone lasciate a se stesse che chiedono pacificamente condizioni minime di vita migliore, sia la logica ricattatoria e arbitraria di enti come la Croce Rossa che nel gestire quelli che dovrebbero essere luoghi di ascolto e di accoglienza si preoccupano di isolare chi può “dare fastidio” solo perché avanza delle richieste e non subisce questa condizione di isolamento e di abbandono.
Siamo pienamente solidali con i tanti immigrati che cercano rifugio nel nostro paese fuggendo da situazioni di guerra e miseria.
Sosteniamo le lotte dei fratelli, che a Lampedusa, Pieve Emanuele, Settimo Torinese, Consuma…ecc… chiedono condizioni di vita migliori e che vengano rispettati i diritti elementari riconosciuti da questo Stato.
Per questo chiediamo l’immediato riavvio delle misure di accoglienza per i quattro fratelli espulsi dal centro e il permesso di soggiorno umanitario per tutti i richiedenti asilo.
Facciamo appello alle associazioni solidali e di volontariato, alle persone di buona volontà perché ci si mobiliti nel sostenere queste richieste. Ci impegniamo perché si accresca nella società uno spirito di solidarietà, di vicinanza e di sostegno contro ogni razzismo e discriminazione, perché il miglioramento della vita degli “ultimi” è garanzia di miglioramento per tutti.
Diamo appuntamento a tutti per mercoledì 26 ottobre 2011 a Settimo (in luogo ancora da definire) alle ore 16.00

 

per info: 3394877653  a3ftorino@hotmail.com

Torino, 23 ottobre 2011 ore 18.00

 

Associazione Antirazzista e Interetnica 3 Febbraio

 

 

Stampa
PDF

annunciata la morte di Gheddafi

È morto un tiranno. Il pensiero va a coloro, libici e non, che hanno sofferto nel sanguinoso regno di Gheddafi durato oltre 40 anni. È morto nel corso di una guerra preventiva sotto l’egida della NATO, scatenata per impedire che anche in Libia, come nei paesi vicini, si potesse sviluppare una rivolta popolare. Per questo motivo la sua fine non coincide con la pace e soprattutto con una prospettiva di miglioramento dell’esistenza per il popolo libico. Essa non è parte delle vicende rivoluzionarie  di questi mesi, piuttosto il frutto di un tentativo di negarle cercando di imporre il piano bellico per sottrarre l’iniziativa alla gente comune in rivoluzione.
Il fatto che Gheddafi sia morto appena catturato non è casuale e toglie dall’imbarazzo chi ne poteva temere ulteriori rivelazioni: dai suoi complici diretti, ora imbarcatisi nel CNT, ai governi e agli uomini d’affari di tutto il mondo che ne hanno puntellato il potere in tutto questo tempo. È significativo come il sistema democratico in decadenza utilizzi la morte a proprio vessillo: si sbandiera l’uccisione di Saddam Hussein, Osama bin Laden, Gheddafi (casomai occultandone i cadaveri) come macabri trofei della democrazia. Allo stesso tempo si cerca di far dimenticare che tutti costoro sono stati a lungo alleati di Washington e Parigi, Londra e Roma, tasselli fondamentali di un ordine sistemico che oggi sta saltando per l’iniziativa diretta dei popoli.
Per il popolo libico la strada della libertà e della pace, di un miglioramento d’assieme e durevole dell’esistenza, è ancora lunga. Ad esso va la nostra solidarietà e allo stesso tempo la denuncia delle responsabilità dello Stato italiano per le sue sofferenze, prima con il sostegno al criminale regime di Gheddafi, poi per essere tornato a fare la guerra sul suolo libico, a cento anni esatti dalla prima invasione coloniale.
La nostra solidarietà va anche alle decine di migliaia di fratelli e sorelle giunti in Italia in fuga dalla guerra, in condizioni enormemente aggravate dalle leggi razziste, verso i quali rinnoviamo l'impegno per una accoglienza fraterna ed incondizionata.

Ultimo Numero

• n. 317


dal 18 giugno
al 2 luglio 2018


è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4