Italian - (it)Español(es)French (fr)English (en)

AdessoLaStoria


Stampa
PDF

 

PER LA LIBERA AUTODETERMINAZIONE
DEL POPOLO LIBICO
E DEI POPOLI IN LOTTA

VIA GHEDDAFI!

STOP ALLA GUERRA E AI BOMBARDAMENTI!

ACCOGLIENZA PER TUTTI!

Viviamo un incrocio epocale senza precedenti, ma si deve fronteggiare la quotidiana distorsione della realtà operata dall’informazione asservita ai potenti che provoca disorientamento e confusione. Perciò Socialismo Rivoluzionario ha deciso di realizzare per il 30 marzo una “giornata nazionale di chiarificazione”.
 
Cosa succede nel mondo (arabo)?
Milioni di persone si stanno mobilitando ed hanno ripreso l’iniziativa. è un’ondata rivoluzionaria che coinvolge un’intera area del mondo: dalla Tunisia all’Egitto fino alla Libia, allo Yemen, al Barhein, alla Siria e si sta estendendo ad altri paesi. Milioni di persone hanno ripreso l’iniziativa in prima persona per affermare le proprie esigenze di libertà e dignità e per questo stanno mettendo in discussione dittature e regimi oppressivi, sostenuti dalle potenze occidentali. Dentro questo processo di autoattività e autodeterminazione, c’è stata la straordinaria esperienza di Piazza Tahrir in Egitto, dove si è cominciato a sperimentare un embrione di un altro potere delle donne e degli uomini, uniti e solidali.
Gli Stati, tanto i regimi locali che le potenze mondiali, stanno reagendo a questa ondata rivoluzionaria con la repressione e in Libia con l’intervento militare sotto l’egida dell’Onu con l’Italia compartecipe. Il massacratore Gheddafi sta utilizzando le armi ricevute dai suoi amici occidentali. Le potenze occidentali democratiche e i regimi dittatoriali agiscono militarmente per difendere i loro interessi politici, economici e militari e soprattutto per impedire la libera autodeterminazione dei popoli.
 
Perché ci riguarda tutti?
Siamo di fronte a uno sconvolgimento epocale di proporzioni colossali che riguarda la vita di tutti. Perché le esigenze umane che milioni di persone stanno affermando con la loro lotta e il nostro impegno sono universali, riguardano le speranze per un futuro migliore per tutti e ciascuno. Perché migliaia di fratelli e sorelle originari di quei paesi vivono quotidianamente in questo paese e altre migliaia vi stanno giungendo e meritano rispetto e accoglienza, mentre i vari governi italiani hanno appoggiato i dittatori come Gheddafi e hanno negato accoglienza agli immigrati.
 
Cosa ne consegue?
è necessario sviluppare la più ampia solidarietà a fianco dei popoli in rivoluzione per la loro libera autodeterminazione contro tutti i dittatori e l’intervento militare. In ragione del riconoscimento della comune umanità è necessario essere solidali con tutte le persone che stanno arrivando. Per questo scegliamo di impegnarci per un’accoglienza incondizionata contro le misure razziste del governo Berlusconi e dello Stato italiano.
Perciò verso la giornata nazionale di mobilitazione del 2 aprile vogliamo sostenere l’iniziativa dei Comitati Solidali e Antirazzisti, dell’Associazione Interetnica “3 febbraio”, delle tante associazioni di volontariato solidale impegnate ad accogliere. Per fare del 2 aprile una giornata della solidarietà a fianco dei popoli e per affermare: “La terra è di tutti, nessuno è straniero. Accoglienza per tutti”.
28 marzo 2011 ore 19
 
                    

 

Stampa
PDF

perché non si è giunti ad una iniziativa unitaria di mobilitazione per il 2 aprile

Vogliamo offrire a tutti una precisa informazione sul perché non è stata possibile una iniziativa unitaria per il 2 aprile al fianco dei popoli in rivolta e in lotta per la libertà contro tutti i regimi oppressivi, contro Gheddafi e l’aggressione militare delle potenze occidentali.
A fronte della guerra d’aggressione delle principali potenze occidentali sotto l’egida dell’ONU e della NATO contro la popolazione libica abbiamo scelto conseguentemente di proporre un appello per una mobilitazione nazionale unitaria a cui hanno risposto positivamente diverse realtà e associazioni a partire da quelle che compongono il coordinamento StopRazzismo.
Sulla base di questo impegno abbiamo partecipato all’incontro nazionale promosso dall’ARCI giovedì 24 marzo a Roma che aveva come intento quello di promuovere una mobilitazione unitaria. Erano presenti quasi tutte le principali associazioni pacifiste,organizzazioni sindacali e politiche. 

Leggi tutto...

Stampa
PDF

l’ondata rivoluzionaria avanza, malgrado la repressione

anche la Siria nell’occhio del ciclone

L’ondata rivoluzionaria avanza, minacciata e colpita con le bombe da diversi e convergenti nemici dell’umanità, ma decisa e tenace. Nell’indifferenza da questa parte del Mediterraneo ma con consapevole determinazione le mobilitazioni prendono piede in Marocco, in particolare trainate da giornalisti e giovani, i manifestanti giordani tornano in piazza e la lotta iraniana per la libertà continua nel profondo della società senza rinunciare a sfruttare ogni occasione per venire allo scoperto. Le mobilitazioni nello Yemen sono ormai una presenza stabile dei resoconti quotidiani dei sommovimenti in corso nel mondo arabo e forse è più vicina che mai a vivere una decisa accelerazione.
Ovunque la controrivoluzione, nei suoi diversi volti – in Libia tanto quello di Gheddafi che quello della coalizione guidata da Francia, Inghilterra, Usa e Italia –  tenta sanguinosamente di prendere il sopravvento, come nel Bahrain, nello stesso Yemen, ecc., provocando morte e distruzione, ma finora invano. La “novità” qualitativa è costituita dalla Siria, dove da una settimana le mobilitazioni continuano e crescono. Il processo è partito da Deraa, dove malgrado la repressione sono ormai migliaia le persone coinvolte, e si è ormai esteso a Damasco,  Hama, Lattaquieh, Banyas… dove venerdì 25 marzo diverse migliaia di persone hanno partecipato alla “giornata della dignità” e sabato 26 tante di loro

Leggi tutto...

Stampa
PDF

PER LA LIBERTA’
e l’autodeterminazione del popolo libico

Milioni di persone stanno insorgendo per migliorare la propria vita. Hanno rimesso in discussione regimi oppressivi, da sempre sostenuti dalle potenze occidentali, e stanno aprendo una prospettiva di riscatto per tanti popoli.
La Comune di Piazza Tahrir al Cairo ha dato un esempio formidabile della forza pacifica e costruttiva dell’impegno della gente comune, capace di iniziare a trasformare la società e di mettere in crisi i potenti.
Per questo i regimi locali e tutte le potenze oppressive si stanno adoperando per reprimere le protagoniste e i protagonisti di questa ondata rivoluzionaria che continua.
Mentre l’Arabia Saudita ha mandato le proprie truppe in Bahrein contro la gente in rivolta e il dittatore yemenita fa decine di morti tra i manifestanti, Gheddafi reprime violentemente la popolazione insorta pur di mantenere il proprio potere oppressivo. Al tempo stesso varie potenze occidentali, tra cui l’Italia, hanno iniziato un intervento militare in Libia, che colpisce in primo luogo la gente comune, nega l’autodeterminazione ed è finalizzato a preservare gli interessi locali delle grandi potenze.
Come hanno insegnato le guerre di questi ultimi vent’anni, dall’Iraq alla Bosnia, le “missioni umanitarie” degli Stati e dei loro eserciti portano solo nuova violenza e nuova oppressione.
Proprio perché stiamo con i popoli in lotta, proprio perché siamo a fianco della popolazione libica, perché Gheddafi venga cacciato e il suo regime oppressivo sia smantellato, siamo contro l’intervento militare occidentale. L’autodeterminazione e la libertà del popolo libico e degli altri popoli può affermarsi solo dal basso, contro la repressione e le guerre di tutti gli Stati ed ha bisogno della nostra massima solidarietà.
Per costruire solidarietà con i popoli in lotta, per la libertà contro i regimi oppressivi, per sostenere il popolo libico contro la repressione di Gheddafi e la guerra della Nato promuoviamo per mercoledì 30 marzo una giornata nazionale di sensibilizzazione.
 

Per la libertà e l’autodeterminazione del popolo libico
Via Gheddafi
Stop ad ogni intervento militare

Stampa
PDF

Nord Africa, tra guerra e speranze rivoluzionarie

Notizie drammatiche continuano a giungere dalla Libia. Le truppe fedeli al criminale dittatore  Gheddafi seminano morte e distruzione tra i civili; proprio in queste ore bombardano Misurata, terza città del paese, dirigendo i propri colpi contro l’ospedale. Chi aveva riposto le proprie speranze nell’intervento dell’ONU, deve ora prendere atto che si trattava solo di illusioni malriposte: cinque giorni dopo l’inizio dei raid aerei della coalizione dei “volenterosi”, è evidente che essi non sono in Libia per portare soccorso alla popolazione.
È l’unica cosa certa di questa guerra, condotta nell’usuale cinismo ma in un caos senza precedenti. La propaganda sugli obiettivi umanitari ha ben presto lasciato il posto alle risse scomposte su chi debba dirigere questa missione di guerra, su quali siano i suoi obiettivi e su come spartirsi il bottino. Pur debole e conflittuale, c’è una congiura di Stati-canaglia il cui obiettivo è fermare, con la guerra, quell’ondata rivoluzionaria che ha suscitato tante speranze nei popoli arabi e non solo.
Hanno ragione a temere le novità. Vincendo la paura, milioni di esseri umani in questi mesi

Leggi tutto...

Ultimo Numero

• n. 306


dal 20 novembre
al 11 dicembre 2017


è uscito
umanesimo
socialista
n.4

us4